Pikkanapa, in arrivo il festival "hot" dedicato al peperoncino e alla canapa

JESI – Arriva Pikkanapa, dal 2 al 4 settembre a Jesi,  terza edizione dell’unica mostra mercato dedicata al Peperoncino ed alla Canapa.Un viaggio tra mangiatori di peperoncini ultrapiccanti, “scambisti” di semi, pionieri della coltivazione e imprenditori della canapa high tech.   Tre piazze ospiteranno oltre cinquanta espositori tra aziende agroalimentari, vivaisti, street food e artigiani del tessile, che proporranno al pubblico i molteplici utilizzi delle due piante dalle mille proprietà.

Oltre cento le tipologie di peperoncino che sarà possibile degustare in tutte le forme: dal frutto fresco, fino al gelato, passando per l’olio e le polveri. Tra le novità della terza edizione, la birra alla canapa piccante aromatizzata all’Habanero Chocolate a marchio Pikkanapa e l’estratto di peperoncino habanero da utilizzare in cucina e nel mondo cocktail.

Durante la manifestazione sarà attivo lo sportello Pikkanapa per ricevere i suggerimenti e le informazioni sulla coltivazione, raccolta e conservazione di Peperoncino e Canapa, oltre che per la condivisione di ricette e lo scambio di semi e piante.

Ricette saranno disponibili anche nel libro “Canapiamoci! Il Buongusto della Cucina a base di Canapa” che sarà acquistabile presso il banchetto Nutrizionisti Senza Frontiere onlus e negli stand enogastronomici della fiera: il ricavato sarà devoluto a favore del centro di ricovero per bambini malnutriti che l’associazione sta per inaugurare ad Esquipulas, in Guatemala.

Gli stand gastronomici per degustare bevande saranno aperti, a partire da venerdì 2 settembre, tutti i giorni dalle ore 18.00 e anche a pranzo nelle giornate di sabato e domenica. Tre le piazze in cui potranno degustare le bevande e i cibi piccanti e a base di canapa, realizzati con prodotti marchigiani: in piazza Federico II ci saranno gli stand a cura de “La Rincrocca“; in piazza Colocci, “Il Ghiottone” con panini alla canapa, pizza e focaccia la piatto con farina alla canapa e varie farciture; in piazza Ghislieri, invece, i menù delle pizzerie “Il Gufo” e “Doppio Zero…da Ale” per piadine di Canapa e al Carrube.

A far da cornice agli appuntamenti gastronomici, ci saranno eventi, concerti, mostre, laboratori e convegni.

Sabato 3 Settembre alle ore 20:00 si terrà la competizione “Il Mangiafuoco” – una “bruciante” gara di mangiatori di peperoncino estremamente piccante con premiazione finale.

Numerosi i laboratori dedicati alla canapa, tra cui quello di manualità tessile dal filato al tessuto: il filo prende forma diventando borse, cinture e tutto ciò che la mente suggerisce, lavorando con il telaio e con la tecnica del macramè importata dai marinai genovesi in un periodo in cui l’Italia la faceva da padrona nella produzione di canapa, grazie all’enorme domanda proveniente dalle repubbliche marinare. Per tutta la durata di Pikkanapa, sarà possibile visitare il “Museo Itinerante della Canapa” a cura dei Fratelli Bernardini, il primo museo tematico dedicato alla Canapa d’Italia in piazza Federico II.

Infine sono quattro i convegni previsti, tra i quali da segnalare l’incontro di venerdì 2 Settembre al Palazzo della Signoria dal titolo “Pesticidi nel piatto” dedicato alla denuncia dell’uso dei pesticidi e alla valorizzazione dei prodotti biologici e quello di domenica 4 settembre su “Esperienze sulla canapa industriale”, al quale prenderanno parte imprenditori e artigiani che hanno saputo valorizzare la coltivazione della canapa, tra cui Antonio Trionfi Honorati, un pioniere nella coltivazione della Canapa nelle Marche, Roberto Campelli sindaco del comune di Monsano, dove esiste una denominazione comunale della canapa, Giovanni Milazzo, fondatore di Kanesis, una start-up pluripremiata che ha brevettato un materiale composto da canapa adatto alla stampa 3D; Rachele Invernizzi, Presidente South Hemp Tecno attiva nella lavorazione delle fibre di Canapa per la Bioedilizia e Mattia Guarnera, mastro birraiolo che produce birra alla canapa con i detenuti del carcere del Barcaglione. Tra gli ospiti attesi, Mark Funk, responsabile dello sviluppo economico della gemellata  Waibiligen, che sarà in visita in città per prendere parte alla manifestazione, nell’ottica di un gemellaggio con l’associazione Pikkanapa.

Il 10% dei proventi della manifestazione sarà investito in solidarietà e devoluto a sostegno delle zone colpite del terremoto.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.