Pink Project, dal 6 all'8 marzo la mostra di Francesco Tilio nella chiesa di San Nicolò | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Pink Project, dal 6 all'8 marzo la mostra di Francesco Tilio nella chiesa di San Nicolò

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – È un messaggio di speranza quello di Francesca Tilio. La sua storia racconta di un viaggio verso la vita, un percorso di rinascita fisica e spirituale, iniziato con quella malattia che distrugge e cancella tutto. Il sorriso, la spensieratezza dell’età e infine la massima espressione di femminilità per una donna: i capelli.

Una storia di sofferenza, segnata da momenti difficili. “All’età di 31 anni scopro di avere il cancro al seno – racconta Francesca – Mi operano d’urgenza, poi la chemioterapia mi fa perdere tutti i capelli”. Un giorno, però, arriva l’improvvisa e inaspettata svolta. “Mi regalano una parrucca rosa, la indosso e mi piace” ricorda la Tilio. Sarà quel piccolo dono a farle riscoprire il colore della vita: “Un giorno, ritrovo in soffitta il vestito rosa di mia madre: in tante foto lo indossava con me piccolissima in braccio. è uno dei miei primi ricordi di infanzia. Così decido di indossarlo, insieme alla parrucca, e parto per New York. Inizio a fotografare e a sperimentare l’autoritratto. La parrucca diventerà il filo conduttore di tanti miei lavori e performance”.

Francesca Tilio è sopravvissuta alla malattia e oggi sta bene. Un lieto fine, segnato da tre grandi vittorie: la guarigione, la rinascita professionale ed artistica e, dono più bello di tutti, la maternità. “Contro ogni previsione medica, due anni fa sono diventata mamma di una bambina. Si chiama Dora, come mia nonna”. Dora, in greco, significa dono. La piccola entra con lei nello scatto: Francesca si immortala anche durante la gravidanza. “È la nascita di una nuova donna, il femminile che si rinnova attraverso la maternità – racconta la fotografa – La donna in rosa diventa la mia testimonianza, il simbolo della guarigione e di chi ce l’ha fatta. Rosa come il colore del cancro al seno”. Dal desiderio di Francesca di diffondere questo suo messaggio di speranza, per tutte le donne che lottano e che lotteranno contro la malattia, nasce il Pink Project. “Il mio vuole essere un invito alla prevenzione rivolto anche alle più giovani. Il rischio esiste ad ogni età, io ne sono l’esempio. Un controllo può salvarvi la vita”.

In occasione della Festa della Donna, il Pink Project incontra la città di Jesi con una mostra fotografica degli scatti più toccanti, emozionanti e significativi che vedono lei, la donna rosa, indiscutibile protagonista.

Dal 6 al 8 marzo, grazie al sostegno dello IOM e al patrocinio del Comune di Jesi, la mostra sarà ospitata all’interno degli spazi della Chiesa di San Nicolò, accompagnata da incontri a tema e performance fotografiche. “Si tratta di un progetto bellissimo che racchiude un messaggio forte, di assoluta speranza: guarire dal cancro è possibile – dichiara la vice presidente IOM di Jesi Maria Luisa Quaglieri – Come IOM posizioneremo, durante le tre giornate di mostra, un angolo dove sarà possibile acquistare oggetti che esaltano la femminilità: l’esperienza di Francesca insegna che non bisogna mai arrendersi alla malattia e che un oggetto di vanità, come una parrucca, può diventare un alleato prezioso per ritrovare sé stessi e tornare ad esprimere femminilità e gioia di vivere”.

(a cura di: Chiara Cascio)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.