Pioggia di richieste per case in autorecupero al San Martino | Password Magazine

Pioggia di richieste per case in autorecupero al San Martino

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Una vera e propria pioggia di richieste per l’acquisto di un alloggio in edilizia residenziale mediante “autorecupero” all’interno dell’edificio San Martino. Già 34 le domande pervenute. Ma è stata tanta e tale la partecipazione nei due incontri pubblici promossi dal Comune per illustrare l’iniziativa con la cooperativa sociale prescelta come soggetto gestore dell’operazione, che si è deciso di prorogare la scadenza delle domande di altri 10 giorni, e dunque fino al 15 settembre, per mettere tutti nelle condizioni di poter presentare la relativa richiesta. L’ordine di priorità comunque resterà ovviamente quello cronologico.

Il progetto, come noto, prevede la realizzazione di 15 alloggi, di varie dimensioni, distribuiti sull’ala dell’edificio che si affaccia in via Pastrengo e che dovrà essere interamente ristrutturata.

Possono partecipare all’acquisto in autorecupero i cittadini che abbiano un reddito Isee non superiore ai €.39.701,19 e che non abbiano avuto precedenti assegnazioni in proprietà di alloggi pubblici o comunque non siano titolari della proprietà di una abitazione.

Il beneficio dell’acquisto di un alloggio in autorecupero consiste nell’abbattimento del costo finale sia per un contributo regionale a fondo perduto (fino a €.50.000 per alloggio), sia per l’onere dell’acquirente di prestare ore lavorative per la manodopera volta alla ristrutturazione dell’edificio che andranno a scalare sul prezzo finale dell’alloggio prescelto. Tali ore lavorative potranno essere prestate sia dal soggetto beneficiario che da un suo coadiuvante fino al 3° grado di parentela.

Nel corso dei due incontri numerose sono state le domande formulate dai cittadini, a dimostrazione dell’interesse per l’iniziativa che lascia pensare come Jesi possa partecipare con tutte le carte in regola al relativo bando regionale per gli interventi in autorecupero, ottenendo così le risorse finanziarie necessarie per sostenere l’intervento edilizio a beneficio delle famiglie coinvolte.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.