Pirani (PD): "Il futuro del parco del Verziere? Questione di opportunità" | | Password Magazine
Lulù  

Pirani (PD): “Il futuro del parco del Verziere? Questione di opportunità”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – “E quindi agli abitanti del Verziere si vuole far capire che per abbattere la “magione” (struttura ex-Crt) servono 30mila euro e se l’intervento non lo paga l‘Inail non se ne farà niente. Più o meno quella stessa cifra, ad esempio, Bacci l’ha spesa per commissionare a Nomisma lo studio (per il resto finanziato da Maccaferri) che ha utilizzato per dare il via alla sua campagna elettorale. Questione di priorità, questione di scelte, ognuno fa le sue e ne risponde ai cittadini”: così il candidato sindaco del Partito Democratico Osvaldo Pirani reagisce alla notizia del progetto presentato dall’Amministrazione comunale in Regione per poter partecipare al bando  “Inail Scuole Innovative”e reperire così fondi sia per l’abbattimento della magione che per la realizzazione, nell’area verde fra via del Verziere e via Fermi, di una scuola dell’infanzia. E forse anche una primaria.

“Un po’ a sorpresa, l’Amministrazione annuncia di aver presentato un progetto per realizzare una scuola dell’infanzia, e forse anche una scuola primaria, al posto della palazzina. A noi, ad esempio, questa idea non piace per niente, perché costruire un asilo nel parco significherebbe interdirne l’utilizzo agli abitanti del quartiere che da anni chiedono la riqualificazione di quest’area per avere finalmente uno spazio verde a disposizione – fa sapere Pirani – C’è poi davvero bisogno di una scuola dell’infanzia che sostituisca l’attuale di Santa Maria del Piano? Non risulta che quella sia inagibile, anche perché è tuttora regolarmente frequentata dai bambini.  E che dire dell’ipotesi della scuola primaria? A 200 metri c’è già la Mazzini, che recentemente il sindaco ha definito la scuola più sicura della città e che non ha problemi di sovraffollamento. Questione di scelte, comunque. Se però qualche altro candidato prende l’impegno di abbattere la struttura (cosa che i residenti chiedono a gran voce e che il Pd ha già proposto in Consiglio comunale) avanzando l’idea di un centro sociale a disposizione del quartiere, allora la logica dell’attuale amministrazione è quella di bollarlo come persona poco seria. Per quale motivo? Non si sa. Certo è che tale atteggiamento denota scarsa attitudine al confronto democratico e mancanza di rispetto. Quel rispetto che si deve ai cittadini ma anche alle idee degli altri”.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.