Polizia, controlli durante la notte di Capodanno in tutta la provincia | Password Magazine

Festival Pergolesi

Polizia, controlli durante la notte di Capodanno in tutta la provincia

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ANCONA – Controlli durante la notte di Capodanno ad opera della Polizia di Stato di Ancona, su input del Questore. Rilevante il numero di controlli volti a verificare il rispetto della normativa anti-covid e a garantire che la vigilia di Capodanno si svolgesse in assoluta sicurezza.
In particolare sono stati realizzati dei presidi dinamici nel centro storico di Ancona – Piazza Cavour, piazza del Plebiscito, Piazza Pertini, Piazza della Repubblica, Piazza IV novembre – per garantire una presenza costante e capillare delle forze dell’ordine ed impedire da un lato gli assembramenti e, dall’altro, che gruppi di ragazzi potessero far esplodere in modo incontrollato petardi e fuochi d’artificio.
Subito dopo la mezzanotte, in piazza del Plebiscito, l’attenzione degli operatori di Polizia lì presenti è stata attirata da alcune esplosioni che, per la tipologia e la sequenza ravvicinata, non erano assimilabili ai botti o petardi. Avvicinatisi al centro della Piazza, gli Agenti hanno accertato che quattro persone, appena uscite da un locale, stavano sparando alcuni colpi, alternandosi tra loro, utilizzando una pistola scacciacani, seppur munita di tappo rosso. Il proprietario dell’arma è stato redarguito sul fatto che quel tipo di esplosioni, oltre ad essere vietate dalla normativa comunale erano da ritenersi comunque pericolose per la pubblica incolumità e la sicurezza dei soggetti che in quel momento si trovavano in Piazza.
Per questi motivi la Squadra Amministrativa e di Sicurezza della Questura sta procedendo a sanzionare il soggetto per la violazione amministrativa dell’ordinanza del sindaco che vieta i botti ed i petardi.

Nella giornata del 31 dicembre sono state controllate in tutto oltre 2000 persone, 4 sanzioni sono state elevate per il mancato rispetto della norme anti pandemia, tre a persone che non indossavano la mascherina nonostante l’obbligo.

Sono stati inoltre controllati 39 esercizi commerciali ad opera della Questura (con ispezioni mirate, soprattutto negli esercizi dove si vendono artifici pirotecnici, effettuate dalla Squadra amministrativa e di sicurezza della Divisone Pasi) e della Polizia di Frontiera, verificando, oltre che il complessivo rispetto della normativa per arginare il Covid -19, anche l’osservanza della disciplina del TULPS.

I controlli disposti dal Questore hanno riguardato anche Jesi, Fabriano, Osimo e Senigallia, dove il personale dei Commissariati Ps distaccato è stato impegnato per assicurare la massima sicurezza e tranquillità delle persone che festeggiavano il Capodanno nei principali centri della Provincia.

Per ciò che riguarda le Volanti della Questura, sono da registrare due interventi effettuati questa notte nel capoluogo.

Nel primo una Volante è intervenuta in via Camerano per una lite scoppiata in un condominio, e segnalata da uno dei codomini. Al momento dell’arrivo degli Agenti la lite era ancora in atto. Protagonista un uomo separato, di anni 23, pregiudicato, in evidente stato di alterazione da sostanze alcoliche che voleva a tutti i costi vedere la figlia piccola, tenuta in quel momento in braccio dalla madre. Al rifiuto di quest’ultima, che aveva peraltro saputo che l’ex compagno era risultato pochi giorni prima positivo al Covid, l’uomo aveva inveito e minacciato la donna. Un’amica della vittima, intervenuta in suo soccorso, era stata aggredita dall’uomo che le aveva tirato i capelli, strappandole nella circostanza alcune trecce “extension”. Gli Agenti hanno identificato e poi allontanato l’uomo, riportando la calma, invitando nel contempo le vittime a fare querela.
Il secondo intervento è stato effettuato da un’altra Volante in via Alessandro Manzoni, su richiesta di un genitore che segnalava come il figlio ventunenne fosse rientrato a casa in stato di totale agitazione e avesse cominciato a danneggiare una porta rimendo anche alcuni suppellettili e delle bottiglie. E’ emerso che il ragazzo aveva precedentemente litigato con altri soggetti all’esterno dell’abitazione. Lo stesso, all’esito dell’intervento, veniva accompagnato in ospedale per le cure del caso e un consulto psichiatrico.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.