Polizia stradale, controlli a tappeto. Denunce e sanzioni a Jesi | | Password Magazine

Polizia stradale, controlli a tappeto. Denunce e sanzioni a Jesi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Nell’ambito dei servizi di controllo del territorio, al fine di  garantire la sicurezza dei trasporti su strada, gli agenti del Distaccamento della Polizia Stradale di Jesi, guidati dal Comandante Ispettore Superiore Stefano Ortolani, fermavano in zona Coppetella, intorno alle 22.50, un autotrasportatore del ragusano che transitava da quelle parti. Dopo i controlli di routine di tipo amministrativo, gli agenti procedevano alla verifica dei tempi di riposo – che per legge sono obbligatori dopo le 6 ore di guida –  attraverso il controllo del cronotachigrafo digitale, strumento che registra i tempi di percorrenza e di sosta del conducente.  Dopo una prima verifica, gli agenti si accorgevano che l’uomo  – un siciliano, P.G le iniziali – per eludere i controlli, aveva sostituito la sua scheda magnetica, inserita nel dispositivo, con quella di un altro autotrasportare. In questo modo, lui risultava essere di norma a riposo e l’altra identità alla guida. Gli agenti, una volta accertata la truffa, procedevano a sanzionare il soggetto per aver circolato alterando i dati del dispositivo cronotachigrafo, ai sensi dell’art.179 comma 9 del CDS che prevede, oltre alla sanzione di euro 848, la decurtazione di 10 punti dalla patente e la sospensione del documento di guida.

Un successivo controllo, questa volta in via XX Luglio, intorno alle 23.40, permetteva agli agenti di fermare a bordo di una Fiat Punto un uomo di 36 anni, G.M, italiano, mentre guidava in stato di ebrezza. La Stradale, dopo un primo test preliminare, passava al test dell’etilometro, registrando uno 0,89 g/litro (il limite è 0,5): a questo punto, l’uomo ai sensi dell’art. 186 comma 2, lettera b, del CDS, è stato denunciato all’Autorità giudiziaria, con decurtazione di 10 punti dalla patente. Al momento rischia la sospensione della patente fino a 6 mesi, una multa fino a 3200 euro e obbligo a sottoporsi ad un iter riabilitativo.

Continuano le attività  di intervento delle volanti della Polizia di Stato e della Polizia stradale nelle zone colpite del territorio: nei giorni scorsi, le pattuglie della Stradale hanno organizzato i primissimi soccorsi e il controllo della viabilità, cruciale per facilitare l’arrivo dei soccorsi e della Protezione civile.

 

(Chiara Cascio)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.