Poliziotti si fingono clienti, la prostituta prende il cellulare e lo ingoia

ANCONA – Nel fronte delle attività volte al contrasto dello sfruttamento e del favoreggiamento della prostituzione nella provincia di Ancona, la Squadra Mobile dorica, nell’ultimo periodo, ha effettuato numerosi controlli di appartamenti occupati da ragazze dedite al meretricio.

In particolare, in un’abitazione del quartiere Grazie attenzionato dagli investigatori, i poliziotti nelle ultime settimane avevano accertato l’esercizio della prostituzione al suo interno.

In quella circostanza, gli agenti, fingendosi clienti, erano entrati nella casa a luci rosse: all’interno, hanno trovato due giovani venezuelane in abiti succinti che offrivano prestazioni sessuali a pagamento.

Le successive attività investigative, condotte da questa Squadra Mobile, hanno successivamente permesso di identificare un cittadino bengalese, che è stato denunciato per favoreggiamento della prostituzione delle due donne, in quanto, approfittando che le stesse non avessero la disponibilità di trovare un alloggio per esercitare “la professione”,  pretendeva dalle giovani un affitto esagerato rispetto alle richieste di mercato.

Stessa procedura è stata adottata anche per un altro appartamento, sempre in zona “Grazie”, anch’esso destinato ad ospitare ragazze sudamericane dedite alla prostituzione.

In questo caso è stata deferita alla Procura della Repubblica di Ancona una giovane ragazza di 22 anni di nazionalità rumena trovata a vendere sesso nell’abitazione che aveva in affitto. La 22enne, accompagnata negli uffici della Questura per essere sottoposta agli accertamenti di rito da parte dei poliziotti della Squadra Mobile, ha opposto una smodata resistenza ai pubblici ufficiali finalizzata ad evitare la sua esatta identificazione. Addirittura ha tentato di ingoiare un piccolo telefono cellulare utilizzato per ricevere le chiamate dai clienti.

Grazie all’immediato intervento degli operatori di Polizia, sono state scongiurate le ben più gravi conseguenze del gesto sconsiderato, recuperando il piccolo telefono che attualmente è al vaglio degli investigatori per gli ulteriori sviluppi investigativi.

A termine della sua identificazione la ragazza è stata deferita alla competente Procura per il reato di resistenza a pubblico ufficiale.

Successivamente ha lasciato volontariamente questo capoluogo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.