"Pomeriggio di un fauno": da Amodio a Jesi al Festival Pergolesi Spontini | | Password Magazine
Banner-Hedone
hedone

“Pomeriggio di un fauno”: da Amodio a Jesi al Festival Pergolesi Spontini

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – L’avanguardia e l’estro di Claude Debussy calcheranno il palco a Jesi. L’occasione per presentare lo spettacolo ispirato all’opera del compositore francese di fine ‘800 “L’après-midi d’un faune” è avvenuta nel pomeriggio, alle Sale Pergolasiane del Teatro G.B Pergolesi.

Grazie alla produzione per mano della “Daniele Cipriani Entertainment”, il 13 Settembre 2019, nell’ambito della diciannovesima edizione del Festival Pergolesi Spontini, debutterà lo spettacolo ispirato all’opera, con il riallestimento di Amedeo Amodio.

L’atmosfera intima e bucolica del Mito greco che viene raccontata nell’opera- “Verrà interpretata all’interno di uno spazio intimo e riservato a pochi- come spiega il Direttore Artistico della Fondazione Pergolesi Spontini, Cristian Carrara– proprio per apprezzare l’atmosfera bucolica e sognante di Debussy, che allo stesso tempo arreca attraverso le sue composizioni sia momenti di pace che slanci passionali. Quest’opera è la dimostrazione di come la musica è sì l’arte della ripetizione, ma anche l’arte della varietà.”

Una musica fluida e sinuosa, maggiormente esaltata dall’arte della danza, come ha spiegato Rossella Battisti, giornalista e critica di danza: tramite la proiezioni di immagini e video, ha così ripercorso un excursus storico degli allestimenti di questo spettacolo tramite il contributo delle compagnie di ballo, passando dalla rivoluzionaria messa in opera di Nijinskij fino a, appunto, quella di Amedeo Amodio.

“Forse Amodio non ha ottenuto tutta la fama che meritava: sono contenta che questa creatura di Amodio, presentata per la prima volta nel 1972 in occasione del Festival dei Due Mondi di Spoleto torni in vita. L’après- midi d’un Faune rappresenta l’indipendenza della danza dalla musica, rappresenta la libertà di movimento rintracciabile nella danza moderna” – commenta entusiasta Rossella Battisti.

L’evento è promosso dalla Fondazione Pergolesi Spontini in collaborazione con Nuovo Spazio Studio Danza di Mariella Strappa.

 

A cura di Giovanna Borrelli

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.