Ponte San Carlo, Giampaoletti: «Priorità urgente» | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Ponte San Carlo, Giampaoletti: «Priorità urgente»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI –  Nel Consiglio comunale del 17 maggio si è votato la variazione, riguardo il finanziamento per la costruzione della nuova scuola media Lorenzini con l’approvazione del nuovo progetto di Fattibilità tecnica ed economica per un importo di € 6.065.000,00 incluse le spese tecniche di direzione lavori e collaudo dell’opera che nell’ipotesi precedente avrebbe sostenuto l’INAIL – da finanziare nel modo seguente: € 1.720.000,00 con contributo del MIUR; € 4.100.000,00 mediante contrazione di apposito mutuo; € 245.000,00 con fondi di bilancio di cui € 178.974,94 relativi alle spese di progettazione già impegnate.

«Questo intervento diretto del Comune consentirebbe di accelerare i tempi di rientro nel nuovo plesso scolastico degli studenti con risoluzione del contratto d’affitto per l’immobile della Curia che attualmente ospita la scuola Lorenzini – fa sapere il consigliere comunale di Insieme Civico Marco Giampaoletti – Il procedimento attuato potrebbe essere condivisibile, magari riguardo la scelta dove costruire la scuola lascia a desiderare, comunque ben venga una scuola nuova con dei servizi che potranno essere utilizzati dai cittadini della zona in questione. Adesso visto che con delle variazioni riguardo lo stato delle Amministrazioni Comunali dal punto di vista dell’accesso ai mutui, si potrebbe fare alcune valutazioni».

Afferma Giampaoletti: «Ci sono tantissime problematiche nella nostra città ma credo che quella principale sia la situazione del Ponte San Carlo, dove il collegamento di solo auto sta creando non pochi problemi riguardo la viabilità e anche per i trasporti pubblici ancora peggio con un allungamento del percorso. L’Amministrazione Bacci nel suo programma ha l’obbiettivo di sistemare il Corso Matteotti e altre cose, ma analizzando il Programma Triennale dei lavori pubblici 2019-2021 si possono fare alcune valutazioni e conteggi.

Il costo per la riqualificazione del Corso Matteotti   indicato per il secondo anno ammonta a € 2.100.000 e per il terzo anno € 2.382.000 perciò un totale di € 4.482.000;

Il costo per la riqualificazione della casa di riposo per il primo anno sarà di € 5.200.000;

Il costo per la riqualificazione del chiostro San Agostino piano terra sarà di € 750.000 nel secondo anno;

Ora la priorità urgente è ponte San Carlo, perciò ci sono varie possibilità di procedere alla sistemazione in modo veloce con una spesa circa di € 4.250.000.

Queste sono delle ipotesi:

Visto che il centro storico negli ultimi anni è stato sempre al centro delle manutenzioni e adesso avrà la Piazza Colocci rifatta, Piazza Pergolesi riqualificata con un nuovo spazio, la parte superiore del corso fino all’Arco Clementino tutto sistemato, via del Fortino sistemata si propone di: RIMANDARE i lavori del corso oppure modificare il progetto ( progetto piazza Pergolesi è stato variato più volte vedi spostamento edicola) con una manutenzione dei marciapiedi senza toccare Piazza della Repubblica, magari modificando l’illuminazione.

Perciò i € 4.482.000 sono disponibili.

Altra soluzione: RIMANDARE i lavori del chiostro San Agostino € 750.000 e rivedere la riqualificazione della casa di riposo da € 5.200.000 a 3.200.000 in modo da avere a disposizione la cifra di € 2.750.000 con la rimanenza di € 1.500.000, che potrebbero essere erogate dalla Provincia e Regione visto che il traffico non è solo per il quartiere Minonna ma è una direttrice per Santa Maria Nuova, Filottrano ecc.

Altra soluzione:

Nel caso in cui si vuole rispettare il programma di mandato oltre alla rivisitazione del progetto del Corso Matteotti si deve accedere ad un altro mutuo visto che l’Amministrazione Bacci il primo mandato e anche in questi due anni è stata capace di abbassare il debito da € 33.000.000 fino a quasi € 16.000.000 circa perciò con il mutuo di € 6.065.000 scuola Lorenzini + un mutuo per Ponte San Carlo di € 4.250.000 possiamo dire che si può fare arrivando a circa € 27.000.000.

Queste sono solo proposte che una buona amministrazione potrebbe prenderle in considerazione nonostante che vengano dall’opposizione, sempre tenendo conto delle normative, ma sono scelte politiche che si devono fare quando ci sono delle priorità come la manutenzione delle strade e marciapiedi che sono veramente in condizioni penose».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.