Ponte San Carlo, illustrato il progetto ai residenti del quartiere Minonna | Password Magazine
Festival Pergolesi

Ponte San Carlo, illustrato il progetto ai residenti del quartiere Minonna

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI- E’ stato presentato ieri sera ai residenti del quartiere Borgo Minonna il progetto del nuovo Ponte San Carlo, in una riunione organizzata dal Comitato Minonna e che ha visto partecipi il sindaco Massimo Bacci e l’assessore ai Lavori pubblici Ing. Roberto Renzi.

Il progetto definitivo, realizzato su incarico del Comune di Jesi dalla società Seitec, di cui è presidente l’Ing. Luigino Dezi, professore ordinario di Teoria e Progetti dei Ponti dell’Università Politecnica delle Marche, prevede la demolizione del vecchio ponte, mal ridotto e non più conforme alle normative attuali, e la ricostruzione del nuovo. Questa soluzione permette di realizzare una strada conforme alle normative attuali, con inserimento di piste ciclo-pedonali, e di ottenere protezioni sismica e idraulica adeguate. Il ponte in progetto avrà 4 campate, che sostituiranno le 10 di quello attuale, e una struttura a cassoni in acciaio e saranno realizzate 3 fondazioni su pali profondi.

Uno dei problemi  è legato alla presenza nella struttura di servizi e utenze, quali acquedotto, fognature, gas, luce e linee telefoniche, che hanno necessità di essere mantenute e  ripristinate nel nuovo progetto. Durante i lavori, si è optato per trasferire temporaneamente tali utenze in sotterraneo sotto il fiume, mediante tecnologia di trivellazioni controllate no-dig, per poi essere riportate alla sede originaria sotto il ponte; il costo di tali interventi sarà totalmente a carico delle società di servizio. Sarà inoltre necessario occupare proprietà private e acquisirne alcune, a cui seguiranno tutte le trattative del caso.

Il costo totale di tutta l’operazione sarà di circa 6.200.000 euro, dei quali 700.000 a carico delle società di servizio, finanziati in parte dalla Regione Marche (4.000.000 euro). L’Ing. Renzi afferma che: «Abbiamo sollecitato anche la Provincia di Ancona, poiché il ponte ha importanza intercomunale e interprovinciale. Siamo arrivati a buon punto per ottenere un finanziamento ulteriore. Questo permetterà di approvare in maniera definitiva il progetto esecutivo, di procedere all’affidamento dei lavori e di partire con i cantieri». A ciò si accodano le parole del sindaco Bacci: «Siamo ancora in una fase di reperimento fondi, non sappiamo quanto la Provincia di Ancona ci sarà, il resto sarà a carico del Comune di Jesi, un investimento di circa 700.000/800.000 euro».

L’Ing. Renzi inoltre fa sapere che il periodo ideale per l’inizio dei lavori è quello di magra del fiume Esino, perciò primavera/estate, preceduto dallo spostamento delle utenze, che non è dipende dalla stagionalità del fiume. Si stima che la durata del cantiere sia di un anno, in cui la popolazione dovrà utilizzare percorsi alternativi come collegamento tra la città di Jesi e le zone limitrofe.

Durante la riunione sono emerse le preoccupazioni dei cittadini, in particolare per quanto riguarda i trasporti e l’uso obbligatorio di altri percorsi verso Jesi e problemi collegati alle tempistiche. Alcuni hanno espresso dubbi sulla serietà e affidabilità della ditta vincitrice della gara di appalto a cui verranno affidati i lavori, memori di quanto accaduto alla Scuola Martiri della Libertà, ma l’assessore Renzi ha rassicurato affermando che ci sarà tempo sufficiente per valutare tale questione. Sempre sui disagi che tali lavori possono causare nei cittadini, l’assessore Renzi si è espresso affermando che «tutti i lavori di questo genere comportano disagi, ma per fortuna abbiamo valutato il caso in tempi non sospetti; se fossero passati mesi e anni ulteriori avremmo potuto correre dei rischi».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.