Ponte San Carlo, lievitano i costi. Il sindaco: «Intervenga anche la Regione».

JESI  – Ponte San Carlo, lievitano i costi di realizzazione. A dirlo è il sindaco Massimo Bacci, durante l’assemblea sul bilancio indetta ieri sera. «L’investimento da sostenere per l’opera – ha detto il primo cittadino – è aumentato, arrivando a 6 milioni di euro». Due milioni di euro in più dunque rispetto a quanto preventivato inizialmente (circa 4 milioni).

Difficile, ma non impossibile, intercettare dunque le risorse per demolire e ricostruire il viadotto di via Marconi che, come è noto, ha problemi di vulnerabilità sismica.

Pronto il progetto esecutivo, prerequisito per ricercare i fondi necessari, costato oltre 300 mila euro, somma assegnata al Comune di Jesi dal Ministero dell’Interno, di concerto con quello dell’Economia e delle Finanze.

«Nell’arco di un anno siamo già riusciti ad avere il progetto esecutivo – ha detto il sindaco Bacci – . Diversi i tavoli di concertazione cui abbiamo preso parte con altri enti per un coinvolgimento condiviso. Restiamo convinti che la Regione debba fare la sua parte nell’investimento, essendo l’infrastruttura strategica per la viabilità dell’intera provincia e non solo. Non può essere solo il Comune di Jesi a farsi carico dell’intera spesa».

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.