Ponte San Carlo, petizione: «Un passaggio ciclopedonale per non tagliare fuori il quartiere». - Password Magazine

Festival Pergolesi

Ponte San Carlo, petizione: «Un passaggio ciclopedonale per non tagliare fuori il quartiere».

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – «I nostri amministratori a breve daranno il via alla gara di appalto per l’abbattimento e la ricostruzione del ponte San Carlo. Il nostro quartiere per tutta la durata dei lavori sarà tagliato fuori dalla città, non avremo la possibilità di raggiungere a piedi il centro. Vogliamo avere voce nelle scelte così importati sul nostro territorio». Così il comitato ‘Quartiere Minonna e dintorni’ che con una petizione di 255 firmatari si rivolge a Comune, Provincia e Regione per individuare soluzioni in vista dell’intervento da oltre 8 milioni di euro che restituirà sicurezza al ponte di collegamento tra il quartiere e la città. Un intervento che potrebbe durare anche 18 mesi.

«Il nostro quartiere per tutta la durata dei lavori sarà tagliato fuori dalla città, non avremo la possibilità di raggiungere a piedi il centro, con tutti i suoi servizi anche di prima necessità. Non possiamo accettarlo – dicono i residenti  – dal momento che la nostra città si fregia del titolo di ‘città ciclabile’ si poteva in questa circostanza valutare la possibilità di una passerella ciclopedonale stabile. Ci è stato detto che nel progetto del nuovo ponte verrà istallata in entrambi i lati una pista ciclopedonale per tutta la lunghezza del ponte. Dal nostro punto di vista, da fruitori della via Minonna, riteniamo che non sia del tutto adeguata, dal momento che né prima e né dopo il ponte e da qualsiasi parte lo si guardi, non ci sarà mai la possibilità di costruire una pista ciclabile viste le ridotte dimensioni sia della via Minonna che della via Marconi».

Il Comitato suggerisce alternative: «Guardando bene il nostro territorio, a nostro avviso si potrebbe realizzare una passerella ciclopedonale stabile collegando la via dell’Esino con la bretellina di via Minonna n.4, si potrebbe incentivare la mobilità sostenibile tra il nostro quartiere e il centro della città. Il futuro di un quartiere e delle periferie passa anche da collegamenti protetti da percorrere a piedi e in bici, tutte le città si stanno ormai attrezzando questa è una importante occasione per dare una svolta almeno in questa parte della città, con qualcosa di veramente ecologico, un passaggio che taglierebbe fuori tutto il traffico del Ponte San Carlo e ci farebbe stare relativamente tranquilli anche per tutto il tempo che occorrerà per la costruzione del nuovo ponte.
La passerella potrebbe essere collegata alla pista ciclabile Genga / Falconara. Noi potremmo fornire una di quelle strutture ricreative eco-compatibili con il nostro baretto dei giardini, la passerella farebbe da collegamento al percorso fluviale».
 E infine: «Nel manifesto di intenti che riguarda il “contratto di fiume” dove il comune di Jesi è il comune capofila, tra i vari punti, si fa riferimento alle – “azioni di promozione della mobilità sostenibile dovranno riguardare in particolare la mobilità lenta collegata all’uso della bicicletta”.
Realizzando una passerella stabile ciclopedonale sarebbe per tutto il percorso Genga/ Falconara, un valore aggiunto.
Come ha sottolineato la Napolitano “finalmente dopo anni possiamo restituire ai cittadini la possibilità di pedalare in sicurezza vicino al fiume” …Noi vorremmo pedalare in sicurezza anche per raggiungere il resto della città».

 

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.