Ponte San Carlo, si cercano i fondi. Scuola Perchi, fine lavori entro autunno 2019

JESI – Otto mesi per l’appalto, almeno un anno il cantiere di ricostruzione del Ponte San Carlo, a rischio stabilità. Queste le tempistiche indicate dall’assessore ai Lavori pubblici Roberto Renzi, all’incontro di martedì sera con i residenti del quartiere Minonna, presso i locali della parrocchia di Sant’Antonio da Padova. Insieme a lui, erano presenti anche il sindaco Massimo Bacci e l’assessora all’associazionismo Paola Lenti.

Due i temi centrali affrontati durante l’assemblea pubblica: la situazione del Ponte San Carlo e le problematicità della a scuola primaria Gemma Perchi, che da qualche tempo registra alcune infiltrazioni d’acqua e fenomeni di piccole fessurazioni sulle pareti divisorie non portanti.

Il sindaco ha rassicurato i cittadini, accorsi numerosi e preoccupati per quel ponte, unico punto di collegamento diretto con la città, nonostante i tempi lunghi e la necessità di reperire fondi per un’opera da 4 milioni di euro. Per questo motivo, l’Amministrazione ha informato i cittadini di aver già preso contatti con la Regione, «essendo impensabile – ha detto Renzi – per un Comune delle dimensioni di Jesi poter sostenere un simile appalto da solo».

Più aspro il confronto sulla scuola Gemma Perchi, quando una mamma ha chiesto di conoscere le tempistiche degli interventi all’edificio, dato che dal tetto penetra l’acqua piovana: «Ci stiamo lavorando – ha rassicurato Renzi – E tutto pronto per partire, resta da definire se eseguire gli interventi previsti tutti in una volta o a stralci, per rendere possibile la convivenza con l’attività scolastica». I lavori riguarderanno il tetto e le fondamenta. Il sindaco Bacci, nel sottolineare l’impegno preso con i cittadini per risolvere queste problematiche, già note all’Amministrazione, ha indicato come termine possibile dei lavori alla scuola Perchi l’autunno 2019.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*