Ponte San Carlo, telecamere e più controlli per chi non rispetta il divieto | Password Magazine

Ponte San Carlo, telecamere e più controlli per chi non rispetta il divieto

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Telecamere e potenziamento dei presidi della Polizia municipale sul Ponte San Carlo. L’assessore all’Urbanistica Roberto Renzi annuncia di voler aumentare i controlli lungo il viadotto di via Marconi, che scavalca il fiume Esino per raggiungere il quartiere Minonna e la Statale 362. Il ponte è stato infatti dichiarato in condizioni strutturali precarie e, pertanto, un’ordinanza ne vieta ora il transito a mezzi pesanti. Ma c’è chi sgarra. «Una soluzione necessaria per evitare chi non rispetta il divieto, sopratutto durante le ore notturne e serali – spiega l’assessore – Per motivi precauzionali, il tecnico ha suggerito l’intervento di limitazione del carico, di modo da evitare di trovarci in tempi brevi in situazione di emergenza».
Dopo i fatti di Genova, sul web si sono scatenate reazioni di panico da parte di jesini che transitano quotidianamente sul San Carlo, lanciando appelli all’Amministrazione comunale affinché si intervenga al più presto. Tuttavia, l’intervento di demolizione e ricostruzione della struttura ha un costo d’opera di circa 4 milioni e mezzo di euro, una somma decisamente fuori dalla portata del Comune: «La speranza – dice Renzi – è che la ricerca di fondi per effettuare i lavori non vada troppo alla lunga. Per questo ci siamo già rivolti a Ministero, Regione ed Anas affinché ci mettano nelle condizioni di poter intervenire. Altrimenti dovremo pensare ad altri provvedimenti».
Non è escluso che più in là, si decida di chiudere totalmente il ponte al transito: ad ogni modo, Renzi evita confronti con il Ponte Morandi: «Il San Carlo è un viadotto meno complesso strutturalmente e sicuramente non riscontra le problematiche del Morandi. A questo, si aggiunge che i controlli precauzionali ci hanno permesso di prendere la situazione per tempo. L’importante è che si possa riuscire ad avere risorse per un intervento rapidamente. Per la progettazione siamo già in contatto la Regione».

Sicuramente, della questione si tratterà nella prossima riunione di Giunta a fine mese.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.