Pranzo di Natale, le tecniche di marketing utilizzate dai ristoratori | Password Magazine
Festival Pergolesi

Pranzo di Natale, le tecniche di marketing utilizzate dai ristoratori

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

USERNAME – Ormai ci siamo, il cenone della vigilia, al quale seguirà il grande pranzo di Natale, è alle porte. In casa, da parenti o al ristorante non importa, sai che mangerai molto, probabilmente bene e diversi dolci della tradizione arricchiranno il tuo pasto.

Questo articolo risulterà interessante per tutte quelle persone che andranno a mangiare fuori e descrive le attività, legittime nel libero mercato, utilizzate durante tutti i mesi dell’anno (ma soprattutto in situazione come il Natale) dai ristoratori, almeno da quelli che attivano strategie o si rivolgono ad un consulente marketing per farsi seguire nella loro promozione.

Quali sono le tecniche utilizzate per attrarre il cliente, per proporre un prezzo più alto in un menù o per risparmiare materia prima? Sono molte, alcune semplici altre elaborate.

Partiamo dalla prima, una molto diffusa ma non facilmente riconoscibile. Posso raccontarvi di un piatto di spaghetti, pomodoro, basilico e grana. Detto in questo modo sembra una portata economica e semplice. Provate invece a farvi portare un piatto di spaghetti scelti Voiello, con pomodori pachini IGP, basilico biologico in un letto di grana padano DOP stagionato 24 mesi. Sono la stessa cosa ma posso assicurarvi che descritto come nella seconda ipotesi può tranquillamente essere proposto ad un prezzo maggiore senza rimetterci un solo cliente.

Un altro stratagemma, che colpisce i menù a bevande escluse, è quello di proporre piatti molto saporiti, per non dire proprio salati. Questo comporta, ovviamente, un consumo di bevande maggiore, come maggiorato sarà il conto finale.

Parliamo dell’impiattamento. Una portata sembra grande o piccola in base alla proporzione con il piatto che la ospita o allo spazio rimasto nello stesso. Innegabilmente, ultimamente, capita sempre più spesso di vedere piatti particolari, di ogni forma. Non è sempre un fattore estetico, a volte c’è un altro motivo dietro. Converrete con me che un etto di carne in un piatto la cui parte sfruttabile è di 10 cm di diametro fa un effetto diverso rispetto ad uno dove tale spazio è di 15 cm. Per non parlare dei diversi “ornamenti” messi spesso con lo scopo d’ingannare l’occhio, facendoli passare per un qualcosa di ricercato. Poi esistono gli chef che di queste cose ne fanno un’arte e devono avere l’assoluto rispetto di tutti, ma è veramente facile distinguere la differenza tra le due cose.

Passando al lato volantino, cartaceo o digitale, la tecnica più utilizzata è quella opposta ai saldi. Quando infatti arrivano gli sconti, una delle prime cose da fare è evidenziare il prezzo o la percentuale scontata ingrandendo a più non posso il numero. Nei menù per il pranzo di Natale o per il veglione di Capodanno potete trovare invece il prezzo scritto in piccolo (inversamente proporzionale alla grandezza della cifra) e spesso manca il simbolo dell’euro perchè psicologicamente fa meno effetto. Inutile dire come, in assenza del prezzo, sicuramente questo non sarà un punto forte del pacchetto offerto.

Non dimentichiamoci del bicchiere. La nostra capacità visiva, più sviluppata in orizzontale (ecco perchè le tv, e non solo, sono panoramiche) ci da una maggior tolleranza per gli oggetti estesi in questo verso. Mentre lo stesso spazio sviluppato in verticale ci darà l’impressione di essere più ingombrante. Ora ditemi, soprattutto se vino e spumante sono serviti e non disponibili sul tavolo liberamente, quale forma avrà il bicchiere di turno? Scommetto stretto ed alto, per le motivazioni appena elencate (alcune volte per motivi “tecnici”, ma è facile capire la differenza). Con ovvio risparmio di quantità.

I strategie utilizzati non finiscono sicuramente qui. Voglio però spezzare una lancia a favore di tutti i ristoratori che ricorrono a questi sistemi. Semplicemente non fanno altro che massimizzare il loro lavoro, cosa assolutamente legittima e in teoria condivisa da tutti i mestieri del mondo, incluso il vostro con il quale guadagnate uno stipendio utile a pagare il conto a pranzo o a cena. Viviamo in un mondo dove il marketing regna sovrano ed ha invaso ogni settore, incluso quello politico per esempio (purtroppo, da certi campi dovrebbe rimanere escluso). Tanto per dire, un articolo scritto su questo argomento in questo periodo, altro non è che un sistema per  dimostrarvi quanto il marketing sia importante quindi… per saperne di più contattatemi pure al 320 1641448 o scrivetemi una mail a: baleani.matteo@gmail.com
Buon Natale, arrivederci al 2019.

 

Username, la rubrica di tecnologia e comunicazione curata da Matteo Baleani, esperto di marketing che da anni collabora con Password Magazine.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.