Premi Panathlon Jesi 2019 per il Fair play | | Password Magazine

Premi Panathlon Jesi 2019 per il Fair play

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Da sx: Fittajoli, Sofia Giordani, Proietti Mosca, Gaetti, Balducci

JESI – Il Fair Play è l’anima dello sport. È l’elemento che fa di una gara una bella gara, che non suscita animosità, che trasmette senso di libertà e bellezza del gioco. È la regola non scritta, ma scolpita nelle coscienze, che dà umanità allo sport. Vivere secondo Fair Play costituisce una componente essenziale del panathletismo e uno degli scopi del Panathlon è la diffusione di tale principio tra i suoi soci e tra gli sportivi. A questo proposito il Club di Jesi presieduto dall’avv. Fabio Fittajoli ha assegnato i Premi Panathlon 2019 per il Fair Play: all’UBI BANCA CLUB SCHERMA JESI per la “promozione”, per aver contribuito, sin dalla sua fondazione, a trasmettere, ai più piccoli e ai giovani, sani principi etici e sportivi e per aver creato, fatto nascere, crescere e divenire universale quel cromosoma scherma che ha reso le lame dell’Imperatore Federico II d’oro, argento e bronzo, amate e rispettate in tutto il mondo. 

Invece il Premio Fair Play al Gesto, da assegnare ad un/a atleta o équipe o allenatore per un gesto ispirato al fair play che gli avrebbe potuto costare la vittoria, alla JESINA CALCIO SETTORE GIOVANILE, “per la lealtà sportiva e il rispetto verso gli avversari dimostrati nel corso della partita di calcio Jesina – Vigor Senigallia del Campionato Allievi Cadetti giocata il 3 marzo 2019, quando l’allenatore della Jesina, visto un avversario accasciarsi a terra, cercava di fermare l’azione dei suoi, che, non sentendolo, andavano in gol. L’allenatore, dopo la palla al centro, ha fatto fermare i ragazzi permettendo agli avversari di segnare”. La consegna dei premi è avvenuta in occasione della conviviale tenutasi all’Hotel Federico II di Jesi. Alla cerimonia era presente l’Assessore allo Sport del Comune di Jesi Ugo Coltorti, il quale, ricordando con piacere la sua militanza nella Jesina calcio, ha affermato che i principi sportivi valgono in tutto il mondo e non hanno sesso e che tutti diventano migliori facendo sport. Ha ribadito la assoluta unicità del Club Scherma Jesi per vittorie, spirito e correttezza sportiva e magnificato il palazzetto della scherma della città come un gioiello. Il Presidente del Club Scherma il dott. Alberto Proietti Mosca, dichiarandosi felicissimo per il Premio, quanto più apprezzato essendo egli socio fondatore del Panathlon Club Jesi, ha presentato la prima donna praticante la scherma nel club e vincitrice di un titolo regionale nel fioretto, la dott.ssa Maria Teresa Gaetti la quale, intervenuta, ha ripercorso con simpatici aneddoti e dovizia di particolari la storia del club e la figura ormai mitica del Maestro Ezio Triccoli.

 Presente anche la campionessa dell’ultima generazione, Sofia Giordani di 13 anni, di Fabriano, che frequenta il club Jesino e che consecutivamente in tre anni ha vinto i titoli italiani di categoria Gran Prix bambini, giovanissime e allieve, nonché il Trofeo Kinder e Maratona Internazionale di scherma di Parigi. Ha voluto ringraziare per il premio anche il dott. Pietro Balducci responsabile della comunicazione della Ubi Banca, che ha voluto puntualizzare che l’istituto di credito sponsorizza numerosi e famosi club sportivi ma che nessuno è più vincente della scherma jesina. Per la Jesina Calcio il Direttore Generale Gianfranco Amici ha espresso, nel ricevere il premio, la propria soddisfazione e quella della Società che si vede impegnata con dei giovani promettenti, ma quello che è più importante, che si divertono nel praticare lo sport inteso come amicizia e lealtà. L’allenatore Simone Strappini, già giocatore della Jesina, ha ripercorso la vicenda e l’immediata decisione, insieme ai giocatori e alla dirigenza di far segnare un gol agli avversari, ritenendolo un fatto normale, così come i giovani giocatori presenti alla consegna del premio, il capitano Nicolò Longhi e il vice Filippo Barboni hanno creduto subito che il gesto compiuto fosse assolutamente dovuto e rispettoso dell’avversario in difficoltà. Numerosi sono stati gli interventi su un argomento assolutamente sentito da chi ha a cuore i giovani e lo sport inteso come promozione e diffusione della cultura e dell’etica sportiva.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.