«Premio COVID ai professionisti della Sanità? Un'utopia». | Password Magazine
Festival Pergolesi

«Premio COVID ai professionisti della Sanità? Un’utopia».

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

SANITÀ – «A tutt’oggi il premio COVID, 1.000 euro a testa, in media, promesso ai professionisti della Sanità, rimane utopia». Così si legge in una nota stampa a firma della Funzione Pubblica Cgil dell’Area Vasta 2: «Abbiamo scritto al Governatore prof. Ceriscioli perché l’Accordo regionale sul premio COVID è stato sottoscritto il 20 aprile ed è stato recepito in Delibera di Giunta Regionale Marche n. 663 il 3 giugno. All’indomani di ciò, sono stati svolti ben 4 Tavoli di confronto regionali, tra Regione Marche e Organizzazioni Sindacali regionali sull’argomento premio COVID, per l’esattezza 1° luglio, 23 luglio, 28 luglio e 30 luglio. Ed ogni volta le attese erano che da quei Tavoli scaturisse la distribuzione equa delle risorse economiche regionali tra gli enti del SSR, stanziate dalle suddette sottoscrizioni, per permettere alle singole Contrattazioni decentrate degli enti (comprese le singole Aree Vaste) di tradurre il premio COVID. Attese vane. In pratica, sta ritornando il coronavirus nei Pronto Soccorso dell’Area Vasta 2 come in altre parti della Regione Marche ed ancora non è stato corrisposto il premio COVID promesso al personale del SSR».

Per i sindacati dunque, piove sul bagnato «per colpa dell’ASUR Marche che avrebbe dovuto rispettare i Contratti collettivi integrativi siglati nelle singole Aree Vaste riguardo la Produttività triennio 2018-2020 ed invece non li ha onorati».

La nota riporta:  «A rischio il pagamento, al personale del Comparto dell’Area Vasta 2, del saldo Produttività anno 2019 (Performance organizzativa) nonché dell’intera quota dell’Apporto individuale anno 2019 (Performance individuale). Era sancito, nell’ambito di predetti Accordi collettivi integrativi, che tali incentivi fossero liquidati entro e non oltre il mese di settembre 2020 ma l’Area Vasta 2, allo stato attuale, non è in grado di riconoscere tali incentivi con la busta paga di settembre in quanto l’ASUR Marche – capace, evidentemente, di fare l’accentratore, ma solo per frenare tutti i processi, un’autentica palla al piede per le Aree Vaste – pur con tutto il lasso di tempo avuto a disposizione, cioè da aprile a tutt’oggi, non è stato capace di portare avanti l’iter propedeutico relativo alle schede di valutazione anno 2019, necessarie per corrispondere suddetti compensi.

Schede di valutazione che al momento non ci sono, non è stato possibile farle.

Inerzia commista ad inefficienza ed opacità.

Come appunto rimarcato anche nell’Assemblea Legislativa della Regione Marche del 28 luglio, arringa di un consigliere regionale. Inefficienza ed opacità ormai da anni, fu detto quel giorno, proprio riguardo l’ASUR Marche. In quel caso si parlava di vincitori di concorso pubblico ed inspiegabilmente non assunti, non si sa per quale motivo.

Ma vale lo stesso discorso, oggi, se non rispetta e non si onora nemmeno la dignità dei professionisti della Sanità, e degli Accordi economici loro riguardanti. Anche gesto inelegante se si pensa al sacrificio patito per il coronavirus».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.