Premio "Valentina Solesin 2018" alla jesina Perla Sardella | Password Magazine
Festival Pergolesi

Premio “Valentina Solesin 2018” alla jesina Perla Sardella

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
archivio premio Solesin
JESI – Il soggetto audiovisivo “Tre figlie”, della jesina Perla Sardella, allieva dell’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano, ha vinto la II edizione del premio “Valeria Solesin”. Il concorso, intitolato alla giovane ricercatrice italiana morta il 13 novembre 2015 nell’attentato al Bataclan di Parigi, è promosso dalla Commissione regionale Pari opportunità che quest’anno si avvale della collaborazione con la Fondazione Marche Cultura – Marche Film Commission.
 
“Come evidenziato nella motivazione del premio – sottolinea la presidente della Commissione Po, Meri Marziali – l’autrice ha sviluppato una significativa narrazione attraverso 70 anni di storia delle donne mostrando la presenza femminile come soggetto e non solo come oggetto di ripresa, e confermando in questo modo quelli che erano gli obiettivi del premio”.
 
La Commissione giudicatrice – composta da Natascia Mattucci, coordinatrice del gruppo Cultura della Cpo, Stefania Benatti, direttore della Fondazione Marche cultura e Anna Olivucci, responsabile Marche Film Commission – ha deciso all’unanimità anche di fare due menzioni speciali: al soggetto “Lapidarie” presentato dalla fanese Mariachiara Peruzzini, allieva della Scuola del libro di Urbino, e a “La Barbaresca” della sanbenedettese Giulia Di Battista, formatasi al Centro sperimentale di cinematografia di Roma.
 
“I soggetti audiovisivi selezionati – afferma Natascia Mattucci – sono riusciti a rendere soprattutto il significato odierno della discriminazione, l’atmosfera del sessismo attraverso le generazioni di donne e la difficile uguaglianza nel mondo del lavoro”.
 
Quest’anno il concorso era aperto ai giovani tra i 18 e i 30 anni non ancora compiuti, nati o residenti nelle Marche, iscritti a Istituti superiori o Accademie o corsi di laurea a indirizzo artistico o cinematografico, con percorsi di studio dedicati ad arti visive e cinema. Potevano concorrere soggetti audiovisivi per cortometraggio, video clip, pubblicità sociale, lungometraggio, anche di animazione, riguardanti temi relativi alle pari opportunità e le questioni culturali, psicologiche, sociologiche, politico-giuridiche, economiche e sociali che implichino l’adozione di un approccio di genere. Sul sito www.pariopportunita.marche.it verrà pubblicata la data della cerimonia di premiazione.
Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.