Premio Vallesina, una serata nel segno della solidarietà | | Password Magazine
Festival Pergolesi  

Premio Vallesina, una serata nel segno della solidarietà

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

CASTELPLANIO – Si è aperta nel ricordo di Carlo Urbani l’ottava edizione del Premio Vallesina, svoltosi ieri sera all’Abbadia di San Benedetto dei Frondigliosi di Castelplanio.  Al medico di Castelplanio, vincitore del Premio Vallesina nella prima edizione del 2002, è andato il pensiero del sindaco Barbara Romualdi, che ha ricordato come la città sia centro di numerose realtà attive nel sociale, come AICU e OIKOS, oltreché luogo ricco di bellezze paesaggistiche e risorse. A portare i saluti anche il presidente dell’Assemblea Legislativa delle Marche Antonio Mastrovincenzo.

Tra gli ospiti, i sindaci della Vallesina , il vescovo di Jesi, rappresentanti delle istituzioni locali e delle forze dell’ordine.

Il Premio Vallesina, nato per segnalare all’opinione pubblica ogni due anni chi, nato nella Vallesina, ha saputo distinguersi a livello nazionale ed internazionale, ma anche occasione per raccogliere fondi a favore di enti benefici, ha devoluto in questi anni circa 170 mila ad associazioni di volontariato e onlus del territorio.

Nel corso della serata, con la direzione artistica di Giuliano De Minicis e presentata da Paolo Notari, le premiazioni si sono alternate a momenti di spettacolo e l’apertura è stata affidata alla banda musicale “L’Aurora” di Casteplanio e Poggio San Marcello. Il duo Opera Pop (la lauretana Francesca Carli, soprano, e il pesarese Enrico Giovagnoli, tenore) hanno cantato i brani che li distinguono nel panorama musicale italiano, dal 2006, per la capacità di reinterpretare in chiave moderna parti delle opere liriche con sonorità che piacciono ai giovani, ma anche a un pubblico adulto.

Le note del violinista marchigiano Marco Santini hanno allietato la manifestazione: a gennaio 2014, Santini ha ricevuto una lettera di complimenti e di ringraziamento da Papa Francesco che ha ascoltato “Il Cristo delle Marche”. Diplomato a pieni voti presso la Hochschule für Musik and Darstellende Kunst di Heidelberg-Mannheim, il violinista ha ottenuto premi e riconoscimenti in concorsi nazionali e internazionali. Ospite anche l’attore e conduttore Cesare Bocci, il marchigiano che ha avuto un enorme successo nei panni di Mimì Augello ne “Il commissario Montalbano”, ruolo che gli apre le porte della televisione dopo Zanzibar, in cui interpretava Benny, socio-barista e latin lover.

I vincitori

  • ·         Lorenzo Brutti (sezione scienze). Nato a Jesi nel 1965, è antropologo titolare a Parigi e specialista della Papua Nuova Guinea dove ha trascorso tre anni per le sue ricerche; in qualità di psicologo clinico esercita come psicoterapeuta privato a Parigi, Marsiglia e La Chatre. È fondatore della società “AL Coaching” operante nel settore dell’organizzazione delle risorse umane e regista documentario. Vive in Francia dal 1991.
  • ·         capitano dell’Esercito Italiano Ilenia Mattiacci (sezione professioni). Nata a Jesi nel 1984 è residente a Castelplanio. Arruolata nel gennaio 2005 come volontario in ferma breve presso il 235° reggimento addestramento volontari “Piceno”; in ambito internazionale, ha partecipato in qualità di capo team “female engagement team” all’operazione del provincial reconstruction team XVIII in Afghanistan (aprile-settembre 2012).
  • ·         Paolo Sabbatini (sezione ricerca applicata). Nato a Jesi nel 1968, è professore associato di viticoltura presso il Michigan State University (USA), si occupa di ricerca applicata e trasferimento di conoscenze per i viticoltori. Le sue attività si concentrano sulla fisiologia della vite in condizioni climatiche fredde. L’obiettivo principale è l’individuazione dei fattori che limitano la crescita e lo sviluppo della vite.
  • ·         dottor Fabio Biondi, titolare ditta Diatech Lab Line di Jesi (sezione imprenditoria). Nato nel 1996 a Jesi, Diatech è oggi un gruppo leader in Italia nel settore della farmacogenetica e farmacogenomica, discipline che studiano la risposta individuale ai farmaci in base al profilo genetico di ogni singolo paziente e si interessano di come le conoscenze sul genoma umano possano essere utilizzate nello sviluppo di nuovi farmaci.

Alessandro Renzi frate Francesco Carloni premiati con targa per la sezione attività sociali. Alessandro è nato a Jesi nel 1970: in occasione del suo primo viaggio in Brasile nel 1992 ha modo di verificare, dentro la favela “Rossinha” di Rio, la più grande del Brasile, condizioni non immaginabili di povertà e degrado. Ne resta profondamente turbato e, tornato in Italia, matura gradualmente il convincimento forte e coraggioso a favore di un radicale cambiamento della sua vita. Conosce nel frattempo un frate francescano missionario che da anni vive in Brasile, Francesco “Chico” Carloni nativo di Montecarotto. Nel gennaio 1997 Alessandro lascia Jesi e raggiunge a Salvador di Bahia frate “Chico” impegnato negli accampamenti rurali dei braccianti agricoli e nella lotta per i diritti dei “semterra” contro i grandi latifondisti. Impara il portoghese, vive a fianco di queste famiglie e dei tanti bambini che crescono nelle comunità. Frate “Chico” si ricorda che Alessandro è un bravissimo panettiere e gli affida il compito di aprire delle panetterie comunitarie presso i centri di assistenza missionaria. Il premio ad Alessandro Renzi sarà consegnato da Silvio Pasquini, presidente dell’Associazione Giardino degli Angeli mentre padre Francesco, assente per gravi motivi di salute, sarà rappresentato dalla sorella Rita Carloni.

 

 

Chiara Cascio

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.