Prende la moglie a pugni e la minaccia con un'accetta, arrestato romeno | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Prende la moglie a pugni e la minaccia con un'accetta, arrestato romeno

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Ancora un episodio di maltrattamenti in famiglia. Questa volta a farne le spese una donna romena di 52 anni, da tempo domiciliata a Jesi.

Autore dei maltrattamenti il marito convivente V.H. di anni 40, che da oltre 3 anni si accanisce contro di lei. E lo fa soprattutto dopo aver abusato con l’alcool.

Ieri sera verso le 22.00  l’ennesimo episodio di violenza gratuita dell’uomo, che non ha esitato a prenderla a pugni, non prima di averla minacciata di morte con un’accetta.

I militari del Nucleo Radiomobile della Compagnia all’arrivo presso l’abitazione, ove era stato chiesto l’intervento, hanno trovato la vittima in preda ad una crisi di pianto e con il labbro e guancia destra visibilmente gonfi in seguito alle percosse ricevute dal marito.

L’uomo, in stato di manifesta ubriachezza, è stato quindi condotto in caserma per gli approfondimenti del caso.

Durante gli accertamenti, svolti dal comandante della Stazione, Luogotenente Fiorello ROSSI, che si è occupato materialmente del caso, la donna ha raccontato una sequela di maltrattamenti sia verbali che fisici, che si protraggono oramai da diversi anni.

Difatti, l’uomo già in passato è stato destinatario di un provvedimento di allontanamento dalla casa familiare, esauritosi esattamente un anno fa, per analoghi comportamenti tenuti nei confronti della propria moglie.

Emersi quindi inconfutabili elementi di reità a carico di V.H., che per tutta la serata dopo essere stato fermato ha continuato a minacciare di morte la donna, si è provveduto ad arrestarlo per maltrattamenti in famiglia e trattenerlo nelle camere di sicurezza di questo comando, in attesa del rito direttissimo, così come disposto dal PM di turno.

L’accetta, rinvenuta dai militari intervenuti, quale corpo di reato utilizzata per le minacce di morte, è stata sequestrata.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.