Matt Cancelleria
Vai al Sito

Prenota un’ecografia, c’è da attendere fino a ottobre 2019: «Impossibile fare prevenzione»

JESI – Oltre un anno d’attesa per una semplice ecografia. Indignata una donna di 37 anni che ha tentato di prenotare l’esame presso il Carlo Urbani di Jesi tramite il CUP: «Mi è stato detto che il primo posto libero all’ospedale di Jesi sarebbe stato ad ottobre del 2019. Oppure a febbraio 2019 a Cingoli – Con regolare impegnativa del medico di famiglia, ho richiesto un esame di controllo al seno e tiroide. Ma se tanto è l’attesa…mi piacerebbe capire cosa si intende con prevenzione».

La donna ha fatto sapere che probabilmente sarà costretta a rivolgersi ad un privato.

Il Tribunale per i Diritti del Malato ricorda che, per legge, si può eseguire la prestazione in libera professione e poi richiedere il rimborso se l’ Asur non è in grado di assicurare ad un paziente la visita o l’accertamento nei tempi massimi previsti : «Per intraprendere l’iter di rimborso, è necessario anzitutto che il medico proscrittore indichi tassativamente in ricetta nell’apposito spazio, le diciture di  tempistiche di esecuzione della visita/esame “U”  (da fare entro 72 ore) B” breve ( entro 10 giorni), “D” differibile (entro 30 giorni) “P” programmabile (con data da programmarsi) – fa sapere Pasquale Liguori, coordinatore del Tribunale per i Diritti del Malato – Secondo presupposto per accedere al rimborso è che il paziente si faccia certificare dal CUP la prima data utile per l’esame/visita richiesto: se il CUP trova la prima data utile in una struttura nell’ambito dell’Area Vasta 2 , diversa da Jesi, che comunque rientra nei tempi massimi di attesa, nessun rimborso può essere richiesto. Una volta che ricorrano le condizioni previste dalla legge, il TDM ha predisposto una modulistica ad hoc per richiedere il rimborso che potrà anche essere compilata e spedita direttamente dal paziente».

Basta dunque rivolgersi al Tribunale del Malato per presentare richiesta di rimborso, purché ci siano i due requisiti richiesti: l’urgenza indicata in impegnativa e la certificazione attestante che la prima data utile in una struttura dell’Area Vasta 2 sia fuori i tempi massimi previsti.

Vista la rilevanza regionale della problematica, il Tribunale per i Diritti del Malato ha richiesto all’ASUR Marche e al Servizio Sanità Marche di istituire quanto prima un tavolo di confronto/lavoro, regionale, al fine di poter definire congiuntamente l’iter per l’attuazione del diritto sancito all’art.3 Dlgs 124/98 e, in particolare, per quanto riguarda la necessità e urgenza che la Regione si adoperi, anche dal punto di vista economico/finanziario, per la costituzione di una procedura ad hoc e quindi di un fondo a garanzia delle istanze di rimborso da parte dei pazienti per cui ricorrano le condizioni previste dalla citata legge: «La Regione dovrebbe prevedere un capitolo di bilancio per poter far fronte a questi rimborsi. Stiamo aspettando che ci chiamano. Nel caso in cui non venissimo convocati presenteremo comunque le richieste raccolte, come previsto dalla legge».

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*