«Prenotazioni esami e visite anche in farmacia»: la richiesta del Tribunale Diritti del Malato

JESI – Un protocollo di intesa tra Comune e Asur per l’effettuazione di prenotazione di esami e visite presso le farmacie comunali. A richiederlo al sindaco Massimo Bacci è il Tribunale per i Diritti del Malato di Jesi, coordinato da Pasquale Liguori visto «il momento di grande difficoltà per il cittadino di prenotare esami e visite presso il CUP telefonico ma anche di sportello, il primo per le interminabili attese al telefono, il secondo che per le lunghe file agli sportelli, in quanto l’organico si è ridotto a 13 addetti (rispetto ai 17 previsti), con un ulteriore riduzione dovuta anche ad assenze per legge 104, aspettative e altro». Stando a quanto sostiene Liguri «tali accordi sono già in essere da anni in molte regioni italiane come Emilia Romagna e Toscana con grandi vantaggi per il cittadino, soprattutto per la fascia debole della popolazione come anziani, disabili, invalidi e così via ma, in prospettiva, anche vantaggi per le casse comunali in quanto si incrementerebbero in maniera sensibile gli accessi alle stesse farmacie». La Regione ha sì previsto l’adesione al servizio da parte delle farmacie ma in maniera volontaria e gratuita ragion per cui ad oggi non v’è stata alcuna alzata di mano: «Nessuna farmacia del territorio della Vallesina ha aderito alla delibera regionale del 2018 che ha sancito la possibilità di attivare  il CUP – ricorda Liguori – Gli organismi rappresentativi delle citate farmacie richiedono una remunerazione al servizio».

1 Commento su «Prenotazioni esami e visite anche in farmacia»: la richiesta del Tribunale Diritti del Malato

  1. E se poi ti devi fare la MOC e in ospedale c’è l’attrezzatura ma non la fanno e sta li inutilizzata a meno che non ci vai a pagamento ?? Sanità ??

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*