Prenotazioni impossibili al Cup , il TDM:« Attese telefoniche troppo lunghe».

JESI – Continuano a pervenire al Tribunale per i Diritti del Malato lamentele per le lunghissime attese telefoniche per prenotare un accertamento o una visita al CUP regionale.

«È non sempre si riesce nell’intento – aggiunge il coordinatore Pasquale Liguori – in quanto spesso cade la linea e quindi si ricomincia daccapo. Dopo avere già fatto noi stessi  un test telefonico di prenotazione nei mesi scorsi ed era stata un impresa davvero al limite dell’impossibile parlare con un operatore». Anche ieri il Tribunale ha voluto ripetere il test e la situazione si è rivelata ancora peggiore:  «Abbiamo provato a chiamare il CUP regionale alle ore 8.20 , pensando di avere maggior fortuna ma invece avevamo 84 persone avanti a noi – continua Liguori – alle ore 9 eravamo alla posizione 80, alle ore 10 posizione 74. Noi ci chiediamo allora  come fa a prenotare chi non ha il tempo o la possibilità di stare al telefono (per es. per motivi di lavoro). Molti cittadini ci dicono che molto spesso rinunciano all’esame o in alternativa si vedono costretti a prendere un giorno di ferie per recarsi agli sportelli del CUP ove, per la verità, anche qui le attese poi non sono cosi brevi».

È aggiunge: «Abbiamo appreso dalla stampa che sono in corso, ormai da più di due anni, trattative con Federfarma per consentire la prenotazione in farmacia ed ancora non si è trovato un accordo. Altro che Regione virtuosa e attenta ai bisogni del cittadino: la regione Marche è il fanalino di coda di tante regioni italiane che permettono, da anni, ai cittadini di poter prenotare esami e accertamenti in farmacia od anche dal medico di famiglia. Noi ribadiamo ancora una volta il nostro appello alla Regione affinchè si proceda quanto prima all’attivazione di questo servizio nelle farmacie e dai medici di famiglia, in modo da agevolare soprattutto le persone anziane, ma anche chi lavora, mettendo fine a questo scempio di attese telefoniche infinite».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*