Presa a colpi in faccia dal fidanzato: donna salvata dalla Polizia | | Password Magazine

Presa a colpi in faccia dal fidanzato: donna salvata dalla Polizia

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ANCONA – Erano le 4.30 circa di questa notte quando una donna ha ricevuto la chiamata della figlia ventottenne che le chiedeva disperatamente aiuto e riagganciava; non avendo idea di cosa stesse accadendo si è precipitata in auto verso casa della ragazza.

Nella concitazione non è riuscita neanche a chiamare i soccorsi, la sua fortuna è stata un incontro fortuito con una Volante della Questura che proprio in quel momento transitava all’altezza del Ponte della Ricostruzione. Dopo aver ricevuto spiegazioni sulla telefonata i poliziotti non ci hanno pensato due volte a seguirla.

Arrivati nei pressi dell’appartamento della figlia, si sono trovati davanti una scena agghiacciante: un giovane stava malmenando la ragazza colpendola ripetutamente al volto senza darle il tempo di reagire.

L’uomo, un ventiduenne che poi risulterà essere il fidanzato della vittima, non si è fermato neanche alla presenza degli agenti che, con non poca fatica, lo hanno rincorso, ammanettato e assicurato sulla volante.

Da dentro l’abitacolo sono arrivate minacce ed improperi di ogni genere, in preda ai fumi dell’alcool l’uomo ha compiuto anche atti di autolesionismo sferrando testate all’auto.

Ma la priorità era aiutare la donna che, con il volto tumefatto e sanguinante, lamentava un fortissimo dolore alla bocca giustificato dal fatto che a seguito dei molteplici pugni un dente fosse del tutto caduto ed altri due fossero seriamente traumatizzati.

Dopo essere stata trasportata in ospedale da un’ambulanza della Croce Gialla ed aver ricevuto le prime cure, la ragazza ha sporto denuncia contro il fidanzato che è stato arrestato per atti persecutori, atteso che non era la prima volta che la donna subiva atteggiamenti violenti, lesioni personali gravissime e resistenza a pubblico ufficiale.

L’uomo, dopo gli atti di rito, è stato associato presso il Carcere di Montacuto a disposizione dell’A.G.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.