Presentato il Festival Pergolesi Spontini 2016: opere, concerti e musica ispirati a Federico II | | Password Magazine

Presentato il Festival Pergolesi Spontini 2016: opere, concerti e musica ispirati a Federico II

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ROMA – Un viaggio in musica dal XII secolo ai giorni nostri attraverso l’albero genealogico di Federico II, imperatore del Sacro Romano Impero e re di Sicilia, nato a Jesi nel 1194, con 15 appuntamenti d’opera, concerti, spettacoli.

Questo il tema della XVI edizione del Festival Pergolesi Spontini, manifestazione internazionale curata dalla Fondazione Pergolesi Spontini che si terrà dal 1 al 25 settembre 2016 nei teatri e nei luoghi d’arte di Jesi, Maiolati Spontini e altre città della provincia di Ancona, con 15 appuntamenti tra opere, concerti e spettacoli di teatro musicale.

 Il XVI Festival Pergolesi Spontini è stato presentato ieri, martedì 5 luglio, a Roma presso la Sala Cinema dell’AGIS Associazione Nazionale dello Spettacolo, alla presenza di Carlo Fontana presidente Agis, dell’On. Valentina Vezzali pluricampionessa olimpica di scherma e testimonial del Festival con la campagna “Nati a Jesi come Federico II”, di Luca Butinivicesindaco del Comune di Jesi,  e della Fondazione Pergolesi Spontini che cura ed organizza la manifestazione, rappresentata dall’amministratore delegato William Graziosi e il direttore artistico Vincenzo De Vivo, e dei ricercatori del Conservatorio Reale di Anversa (Belgio)dove sono state recentemente recuperare partiture inedite di Gaspare Spontini.

“Nutro grande stima per questo festival, incentrato su due  grandissimi autori sul quale c’è ancora molto da esplorare – ha detto in questa occasione il presidente dell’Agis Carlo Fontana – ed auguro alla manifestazione il pieno sostegno e riconoscimento da parte delle istituzioni, in un momento in cui diventa  vitale che il sosteggno allo spettacolo e alla cultura torni al centro dell’attività parlamentare”.

Valentina Vezzali si è detta “onorata” di essere testimonial del Festival 2016 insieme alle campionesse della scherma Elisa Di Francisca e Giovanna Trillini, e all’allenatore di calcio Roberto Mancini, tutti nati a Jesi, come lei, e come il grande imperatore svevo. “E’ impegnativo dire che sono nata a Jesi come Federico II, Pergolesi e Spontini, personaggi di fama mondiale e dover dimostrare di essere alla loro altezza, per restare nella storia della città e nell’immaginario collettivo come una eccellenza indiscussa e riconosciuta. Fin da bambina sono rimasta colpita dalla personalità di Federico II per le sue ambizioni e per la sua grande modernità. Lo sono di più oggi, da parlamentare, se penso alla sua visione dello Stato. Fu precursore della concezione dello “Stato modello”, dialogante e tollerante verso ebrei e musulmani, attento ai diritti civili e laico. Un uomo che riuscì con la cultura, le arti e la scienza a cambiare lo scenario del XIII , un uomo illuminato, un imperatore visionario anche molto vicino alla concezione dell’Europa moderna”.

In occasione della Conferenza, William Graziosi e Vincenzo e Vivo hanno illustrato con il progetto artistico del Festival anche i percorsi futuri, in particolare l’intenzione di mettersi subito al lavoro insieme alla Conservatorio Reale di Anversa (Belgio) nello studio e messa in scena di quattro manoscritti autografi di Gaspare Spontini ritrovati recentemente della Biblioteca del Castello d’Ursel in Hingene, relativi a partiture ritenute scomparse. Si tratta di tre opere e una cantata, il melodramma buffo Il quadro parlante del 1800, il dramma giocosoIl Geloso e l’audace del 1801 (Palermo), la farsa giocosa Le metamorfosi di Pasquale Ossia Farsa del 1802 (Roma) e la cantata L’Eccelsa gara del 1806 (Parigi).

 

Percorrendo l’albero genealogico di Federico, spettacoli e concerti evocano i personaggi della sua famiglia: suo padre Enrico VI è tra i protagonisti di Agnes von Hohenstaufen, il capolavoro di Spontini; sua madre Costanza d’Altavilla “che del secondo vento di Soave / generò ‘l terzo e l’ultima possanza” si racconta ne “Il volo dell’aquila”; a suo nonno Ruggero II riportano le liturgie per la Cappella reale di Sicilia e la vicenda di San Guglielmo, Duca d’Aquitania che sostiene l’Antipapa Anacleto II contro il legittimo Papa Innocenzo I. Suo figlio Enzo è il protagonista della giovanile opera di Respighi; l’altro figlio Manfredi appare, insieme con un’ipotetica sorella di madre musulmana, ne La Saracena, libretto incompiuto di Wagner.

Nell’età compresa tra il Barbarossa e il secondo Federico, cavalieri, trovatori e clerici vagantes cantano canzoni, e tra esse i Carmina Burana, che Carl Orff rese famosi nel XX secolo. Le laudi francescane dei “joculatores domini” chiamano in causa un frate assai vicino all’Imperatore, Elia da Cortona, compagno e successore di San Francesco.

Teatri storici, piazze, chiese, chiostri ed eremi si riempiono di musica, in un viaggio che copre lo spazio temporale tra il XII Secolo e i giorni nostri: il repertorio sacro e profano dei secoli XII e XIII sotto gli alberi di Serra de’ Conti e di Castelbellino, i capolavori pergolesiani nel settecentesco Teatro Pergolesi a Jesi e sotto le volte della Basilica di Loreto, le pagine dell’Agnese – nell’edizione italiana voluta nel 1954 da Francesco Siciliani, il grande organizzatore musicale scomparso vent’anni fa – nel cortile della casa di Spontini nella natia Maiolati, il Re Enzo di Respighi nell’elegante architettura della chiesa di San Floriano oggi Teatro Moriconi, La Saracina di Wagner – divenuta cunto di pupari siciliani – nel bellissimo teatro di Montecarotto, “Il volo dell’aquila” nella piazza jesina dove l’imperatore è nato e dove si attende l’inaugurazione del nuovo museo dedicato a lui.

Titolo del Festival Pergolesi Spontini 2016, è “Vento di Soave – Papi, Imperatori, armi e amori sotto l’Aquila sveva”, con la citazione dal Paradiso della Divina Commedia di Dante che dichiara l’omaggio alla stirpe degli Hohenstaufen, alla quale appartenne Federico II.

Il XVI Festival Pergolesi Spontini inaugura giovedì 1 settembre alle ore 21 con “Il volo dell’Aquila”, una grande festa teatrale firmata dal regista italo-belga Franco Dragone – uno dei più grandi show maker del mondo – nella piazza di Jesi dove secondo la tradizione Costanza D’Altavilla diede alla luce Federico II di Hohenstaufen, il 26 dicembre 1194. L’azione scenica con la musica di Fabrizio Festa propone le confessioni di un’Imperatrice – testo di Virginia Virilli – e le evoluzioni di un circo metafisico; in scena, la Compagnia di circo contemporaneo “El Grito” e Cori polifonici del territorio, per una una nuova produzione della Fondazione Pergolesi Spontini in prima rappresentazione assoluta, in collaborazione con la Scuola di Musica elettronica e applicata del Conservatorio “E.R. Duni” di Matera.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.