Presentato il progetto per il primo Emporio Solidale a Jesi | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Presentato il progetto per il primo Emporio Solidale a Jesi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Un progetto ambizioso e formativo, quello presentato questa mattina alla sede ASP Ambito 9: si tratta dell’attivazione del progetto start up per l’apertura del Primo emporio solidale a Jesi, prevista per la fine dell’anno.

L’emporio sarà uno spazio fisico dove le persone in condizione di disagio socio-economico potranno recarsi per fare la spesa, senza pagare in denaro, ma tramite una specifica tessera a punti, assegnati da un’equipe e basati sui bisogni dei nuclei famigliari.

Non solo, per i destinatari sono previsti dei veri e propri tirocini formativi, che mirano all’inclusione sociale: con la stessa logica gli stessi soggetti destinatari effettueranno alcune ore di volontariato, per una continuità del progetto, e per evitare episodi di burn out dei volontari, problema sollevato da Cinzia Verdenelli, di Anteas Marche.

L’obiettivo è quindi quello di dare ai nuclei famigliari, appartenenti ai 21 Comuni dell’ASP Ambito 9, una concreta possibilità di superare la condizione di “crisi” e consentire a loro di fronteggiare in maniera attiva la loro situazione socio-economica.

“La povertà, dal punto di vista cristiano, può avere tanta poesia. Ma il povero non sempre è così amabile. L’emporio è un’iniziativa volta a promuovere la persona stessa, utile ad intessere un percorso di educazione. Responsabilizzare la persona, anche tramite il dialogo, è l’obiettivo principale. Questo progetto aiuterà a dare dignità alle persone povere” dice  Don Gerardo Rocconi, Vescovo della Diocesi di Jesi.

Il progetto, presentato dai vertici dell’ASP (Azienda Servizi alla Persona) e Caritas Jesi, nella sua fase iniziale è finanziata dalla Fondazione Cariverona: la partnership include anche il Centro Servizi Caritas Jesina Padre Oscar, che metterà a disposizione locali e personale per la gestione dell’emporio, pagandone le necessarie utenze. Anteas Marche organizzerà invece delle giornate di supervisione per volontari e personale dell’emporio. Il Forum Terzo Settore delle Marche si occuperà invece della promozione dell’iniziativa, mentre l’AUSER Provinciale OVD di Ancona supporterà la Caritas nella consegna a domicilio della spesa. Alleanza contro la povertà delle Marche procurerà invece i beni alimentari, e tramite i dati e i modus operandi degli altri empori presenti in altre parti d’Italia, raccoglierà le buone prassi da promuovere e mettere a regime.

Una grande rete si metterà quindi in moto, grazie al reciproco dialogo, per sensibilizzare il territorio stesso e avere poi, in una fase successiva, ancora più supporto. Grazie al dialogo l’attivazione è possibile in più ambiti che non sia solo l’immediato supporto economico, ma anche e soprattutto sociale e relazionale.

“Con l’uso della tessera verranno ridimensionati, o meglio razionalizzati, i contributi economici” dice Franco Pesaresi, Direttore ASP Ambito 9.

“Facciamo crescere la responsabilità nei soggetti coinvolti” aggiunge Sergio Mosconi, Presidente del Consiglio d’Amministrazione ASP Ambito 9.

A sostegno di questa razionalizzazione di risorse è stato inoltre creato un apposito software chiamato OSPO (Osservatorio Priorità e Risorse), che ha lo scopo di creare una banca dati di tutti quelli che saranno i destinatari del progetto.

Tra un anno, con dati alla mano, verrà realizzato un report che saprà descrivere i miglioramenti apportati dall’emporio solidale.

 

A cura di Giovanna Borrelli

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.