La chiesa di San Domenico in contrada Valle a Jesi: presentato il libro | | Password Magazine
Festival Pergolesi

La chiesa di San Domenico in contrada Valle a Jesi: presentato il libro

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Si è svolta ieri nelle sale di Palazzo Bisaccioni la presentazione del libro “La chiesa di San Domenico in contrada Valle a Jesi” realizzato a quattro mani da Gianni Barchi, Sergio Bugatti, Roberto Cecconi e Maria Cristina Zanotti.

Il volume nasce da un’intelligente operazione di crowdfunding con il patrocinio del Comune di Jesi e il supporto dell’associazione Italia Nostra Onlus – sezione di Jesi, della Deputazione di Storia Patria per le Marche e della Fondazione Cassa di Risparmio Jesi e concentra la sua attenzione sulle origini e l’evoluzione di un antichissimo complesso fondato dagli Antoniani nell’Alto Medioevo, situato nella contrada della Valle, a poca distanza dall’attuale Museo delle Arti della Stampa.

Presenti alla presentazione l’assessore alla Cultura Luca Butini e la professoressa Costantina Marchegiani dell’associazione Italia Nostra che hanno mostrato tutto il loro entusiasmo e appoggio: “Per l’Amministrazione comunale è un orgoglio vedere realizzate iniziative per la salvaguardia dei beni della propria città e gli attori coinvolti in questo progetto hanno colto nel segno. Devo quindi far loro i miei più sinceri complimenti e un grazie da parte di tutta l’amministrazione” commenta l’assessore Luca Butini. “La ricerca storica e la difesa dei monumenti della città è il nostro ruolo e vederlo fare dai storici locali è meraviglioso. Grazie per il lavoro svolto”, spiega la professoressa Costantina Marchegiani. Il complesso in questione comprendeva una chiesa verosimilmente gotica – di cui restano tracce nell’edificio che sorge oggi al suo posto – un convento, un ostello per viandanti, un ospedale detto “degli incurabili”, dedicato alla cura di malanni veramente gravi come l’ “herpes zoster” o fuoco di Sant’Antonio e un cimitero di cui ancora si parla in una denuncia sporta contro lo stravagante pittore Antonino Sarti nel ‘600.

Il suddetto complesso fu donato dal Comune ai Domenicani nel 1439, per consentire loro l’ingresso in città: la sua destinazione d’uso cambiò infinite volte nella storia della città, fino al crollo definitivo alla fine dell’ottocento. Grazie ai preziosi documenti rinvenuti nella Curia Vescovile, messi gentilmente a disposizione dal parroco Don Cristiano Marasca, l’architetto Bugatti è riuscito a ricostruire virtualmente il complesso, facendo rinascere un quartiere oggi sicuramente appiattito dalla mancanza di un monumento tanto interessante. Per saperne di più e approfondire l’argomento acquistando il libro si può contattare la Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi.

Il progetto portato avanti è uno dei tanti che vagano nella mente del quartetto che sta già pensando a quale altra via intraprendere; ciò che è certo è che sarà un valore aggiunto per la nostra Jesi che ha ancora tanto da farci scoprire.

Buona lettura!

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.