Presi due pusher, appartenevano a organizzazione criminale dedita allo spaccio | | Password Magazine

Presi due pusher, appartenevano a organizzazione criminale dedita allo spaccio

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ANCONA – Nel pomeriggio di ieri, i poliziotti della Squadra Mobile, Sezione Criminalità Organizzata, hanno arrestato due cittadini nigeriani, uno di 27 anni e l’altro di 31¸ responsabili di detenzione ai fini di spaccio, in concorso, di circa un etto di marijuana, rinvenuta dagli investigatori nel corso di una perquisizione all’interno di un appartamento di Ancona (zona Archi).
Nelle prime ore del pomeriggio, durante un servizio di osservazione condotto dalla Squadra Mobile, finalizzato al contrasto del fenomeno dello spaccio di stupefacenti,  i due giovani nigeriani venivano avvistati, fermati e controllati in zona Piano. Uno di loro veniva trovato in possesso di un involucro contenente mannitolo, sostanza generalmente utilizzata dagli spacciatori per “tagliare” la droga.

Dopo numerosi accertamenti incrociati gli agenti della Squadra Mobile sono riusciti a capire dove i due nigeriani alloggiassero (vista la completa mancanza di collaborazione da parte dei due), in quanto agli atti della Questura, gli stessi risultavano non in regola sul territorio dello Stato Italiano poiché, a seguito di diniego dello stato di rifugiati politici, venivano espulsi con decreto del Questore di Ancona. Non solo, la coppia era già stata arrestata dalla Polizia in quanto facente parte, a livelli apicali, di una vasta organizzazione criminale dedita al traffico internazionale di sostanze stupefacenti con rinvenimento e sequestro di decide di chili di droga. In particolare il 27enne risultava essere a capo dell’organizzatore criminale composta da 13 cittadini nigeriani e il 31enne, invece, il suo braccio destro. Quest’ultimo, inoltre, risulta uscito dal carcere proprio all’inizio di agosto 2019 dopo due anni di reclusione per medesimi reati.
Gli investigatori, ieri sera, hanno individuato con non poche difficoltà, un appartamento sito in via Mamiani dove i due nigeriani alloggiavano clandestinamente grazie all’ospitalità di un altro connazionale. Durante la perquisizione domiciliare, i poliziotti hanno rinvenuto due grossi involucri di marijuana nascosti dentro un materasso, sotto il quale era stato appositamente creato un foro per nascondere lo stupefacente. Gli agenti della Sezione Criminalità Organizzata nel corso della perquisizione hanno rinvenuto e sequestrato anche 350 euro, ritenuto sicuro provento dell’attività di spaccio, un bilancino di precisione e cellophane per il confezionamento della droga.

All’esito dei rilevanti riscontri probatori, i due nigeriani venivano arrestati in flagranza e, su disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ancona, collocati ai domiciliari in attesa del giudizio direttissimo e convalida previsti per questa mattina nel Palazzo di Giustizia

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.