Preso a pugni e minacciato in centro: l'aggressore rimesso in libertà | | Password Magazine

Preso a pugni e minacciato in centro: l’aggressore rimesso in libertà

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Dopo la convalida dell’arresto, è stato rimesso in libertà M.A., il 22enne romeno residente a Jesi che, nel pomeriggio di martedì scorso, ubriaco, nei pressi dell’Arco Clementino, ha sferrato un pugno ai danni di C.G., 43enne di Cupramontana, fratturandogli mandibola e mascella e procurandogli la perdita di due denti.

Dopo il colpo, il cuprense, con il volto coperto di sangue, aveva inseguito il suo aggressore, avvertendolo che si sarebbe rivolto ai carabinieri. Intanto, il giovane, in prossimità del bar Roma, veniva visto da alcuni testimomi gettare qualcosa in un cestino.

I carabinieri della Stazione locale, prontamente intervenuti, appuravano che si trattava di un punteruolo e di un coltello a serramanico di una decina di centimetri. Entrambe le armi venivano squestrate dai militari, su ordine del Magg. Benedetto Iurlaro.

Restano tuttavia ancora da capire i motivi del gesto: i due si conoscevano e non è escluso un regolamento di conti.

Con l’aggressore rimesso in libertà, sono stati chiesti i termini a difesa con giudizio fissato al 29 maggio p.v.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.