Preso il ladro delle "spaccate". Operazione congiunta tra Carabinieri e Polizia

JESI – Nel pomeriggio di ieri 10 agosto, il personale del Nucleo Operativo della Compagnia di Jesi, congiuntamente al personale della Polizia di Frontiera di Bologna traeva in arresto presso l’aeroporto di Bologna R.M., marocchino 19enne, regolare sul territorio nazionale in esecuzione di una misura cautelare a suo carico emessa dal Gip di Ancona.

Il soggetto – un ragazzo giovanissimo residente a Jesi con la sua famiglia – è stato individuato senza ombra di dubbio come principale autore della serie di furti aggravati – circa una ventina –  eseguiti sul territorio con la tecnica della spaccata nel periodo compreso tra dicembre e febbraio nel centro di Jesi dai militari della Compagnia Carabinieri in collaborazione con il locale Commissariato di polizia.

La serie di furti avvenuti nel periodo invernale, avendo creato particolare allarme tra i negozianti del centro cittadino, induceva la Compagnia Carabinieri a creare una squadra ad hoc all’interno del Nucleo operativo che si occupasse di questa serie di reati. Gli operanti in questi mesi grazie all’analisi meticolosa e prolungata di numerose immagini di video sorveglianza -fondamentali le videocamere dell’Hemingway Café e quelle comunali per una prima identificazione del soggetto – e ai continui controlli sul territorio riuscivano a identificare e ricostruire il “modus operandi” del soggetto.

Inoltre, grazie al lavoro svolto dal Gabinetto Scientifico della Polizia di Stato di Ancona, mettevano in atto indagini tecniche che portavano l’esaltazione delle impronti digitali riconducibili al personaggio in questione, sulle vetrine di molti dei negozi colpiti, riuscendo dunque a stringere sempre più il cerchio intorno al soggetto il quale, probabilmente vistosi braccato, provava a far perdere le sue tracce ritornando nel suo paese di origine.

R.M. evidentemente tranquillo per i mesi passati dal compimento dei furti e ignorando ci potesse essere una misura cautelare pendente a suo carico, decideva di rientrare in Italia nella giornata di ieri non pensando però che i suoi movimenti venissero già monitorati da tempo e che le forze dell’ordine fossero proprio lì all’aeroporto ad aspettarlo per condurlo nella più vicina casa circondariale dov’è stato messo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*