Primo Consiglio comunale al caldo tra applausi, emozioni, battute e brindisi finale | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Primo Consiglio comunale al caldo tra applausi, emozioni, battute e brindisi finale

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Cosa rimane di questo primo Consiglio comunale iniziato alle 18.15 e terminato alle 21.00 – che ieri, 29 maggio, ha inaugurato il secondo quinquennio a guida Massimo Bacci?

Intanto, come da tradizione, i rintocchi, un’ora prima, alle 17.00, della campana di Palazzo della Signoria, che annunciava l’imminente  seduta consiliare.

Poi tutto il resto.

La gente che ha affollato la sala dell’assise civica, il classico sold out, gli sguardi dei consiglieri neofiti, forse ancora incredulo, qualcuno, di trovarsi lì.

E poi, le emozioni passate sotto la cappa del caldo che opprimeva l’aula, con i ventagli delle donne che vorticavano alla ricerca d’aria. Il resto dei presenti si arrangiava come poteva, sventolando di tutto, dai fogli alle buste da lettera.

In giacca e cravatta, invidiabili, soltanto il Sindaco, Daniele Massaccesi al suo fianco, l’assessore Luca Butini, i consiglieri Marco Giampaoletti (Insieme Civico), Lorenzo Fiordelmondo e Andrea Binci (Pd). Matteo Baleani (JesiAmo) con cravatta ma senza giacca.

Gli applausi distribuiti un po’ a tutti gli interventi che si sono succeduti , tanto che il neo eletto presidente del Consiglio, Daniele Massaccesi, appunto, – un bis anche per lui –  a un certo momento non si è potuto trattenere dal dire che “non sarà sempre così, ma quest’oggi va bene”.

I selfie della Silvia Gregori (Lega Nord) insieme ai suoi, compreso il consigliere regionale Sandro Zaffiri, la compostezza di un altro esordiente, che le sedeva accanto, Luca Bertini (5 Stelle) e quella dell’altro vicino, il consigliere comunale aggiunto Kazi Fokhrul Islam, del Bangladesh,  il quale, tanto per dire, è stato il primo in assoluto dei consiglieri a intervenire.

Pochi minuti per spiegare chi fosse e quali istanze intendesse portare avanti in rappresentanza della comunità straniera. E poi ci ha chiesto se per caso gli avessimo “fatto il video” dell’intervento. Peccato, solo la foto…

Un consiglio tecnico che è servito ad avallare nelle funzioni gli eletti e i nominati, a far giurare il Sindaco che ha anche dispiegato il suo discorso con il microfono che, però, ogni tanto faceva le bizze.

Momento di commozione anche per lui – che si è dovuto interrompere – quando ha ricordato la vicinanza dei suoi familiari in questi ultimi mesi. E i suoi familiari, moglie Isabella e figlio, sono accorsi a stringergli con affetto le mani. A fargli da composta cornice la Giunta, dove brillava, però, l’assenza dell’assessore Roberto Renzi, impegnato – ma ancora per poco – nella sua funzione di presidente dell’ordine degli ingeneri della provincia.

Il collegamento Skype con Luca Bernardi, all’inizio, che nonostante soffra di una grave disabilità non è voluto mancare per salutare tutti e ricordare l’impegno, da trasmettere alla Regione, per un’assistenza domiciliare che consenta di vivere e non di sopravvivere.

Sono onorato/a, felice e ringrazio…” è stato il refrain al quale proprio nessuno si è sottratto. Ma, come si diceva, il copione della prima volta lo imponeva. Visto che più che con schermaglie si è andati di fioretto anche quando si è passati al politico, vedi Osvaldo Pirani (Pd) e Francesco Coltorti (Jesi in Comune-Laboratorio Sinistra). Tanto per ricordare, comunque, chi è all’opposizione.

Quasi tre ore non sono state poche vista la particolarità dell’evento e gli occhi dei presenti sono ritornati a scintillare quando il presidente del Consiglio ha annunciato la fine dei lavori invitando tutti nell’adiacente Sala Giunta per un brindisi rinfrescante.

Inutile dire che non è mancato nessuno.

E tra brindisi beneauguranti e sorrisi di distensione l’ultima battuta della giornata da un consigliere di opposizione, che se la ridacchiava del fatto che all’assessore alla cultura sia stata appioppata anche la delega ai servizi cimiteriali: “Ma che c’azzecca?”

Sulla pagina Facebook di Password le videointerviste agli esordienti consiglieri.

Pino Nardella

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.