Prof negazionista, messaggi choc agli studenti: «Non esiste l'emergenza covid». | Password Magazine

Prof negazionista, messaggi choc agli studenti: «Non esiste l’emergenza covid».

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Professore negazionista finisce al centro di un ciclone mediatico per le teorie complottiste sul covid inviate ai suoi studenti via WhatsApp. Si tratta di un docente di Matematica e Fisica del Liceo Classico di Jesi, indirizzo delle Scienze Umane ed Economico, che nelle chat di gruppo ha condiviso frasi choc come «Io penso che sta storia del virus abbia proprio rotto le scatole, non c’è nessuna emergenza sanitaria, la tv racconta solo balle su balle, muoiono persone di tumore e le classificano covid, negli ospedali vengono ammessi pazienti covid con sintomi influenzali solo perché si prendono soldi per ogni paziente covid. La gente ha paura perfino di un raffreddore ormai».

Il professore ha anche proposto ai ragazzi di raggiungere Corso Matteotti e di sedersi davanti la scuola per una Dad all’aperto, magari chiamando anche un giornalista per «farsi sentire un po’». Infondo: «Che cavolo fate a casa da soli nella deprimente camera in cui c’è solitudine e non crescita in tutti i sensi?».

Per il docente «l’obiettivo di tutta questa storia è farvi fare il prossimo vaccino che non sarà un vaccino normale ma CO V I D cioè copertura vaccinale intelligenza digitale». Parole agghiaccianti, così commentate da alcuni studenti che hanno detto a Password: «Non era nuovo a questi discorsi, anche durante un’assemblea ci ha raccontato che il nostro corpo, composto da particelle d’acqua, reagisce alle cattive notizie imposte dai media. Inoltre era un no mask, girava a scuola senza mascherina». Altri invece commentano i fatti gridando alla libertà di opinione e del libero pensiero.

Nel frattempo sulla vicenda è intervenuto anche il dirigente scolastico Floriano Tittarelli che ha parlato di una «vicenda complessa e delicata che sarà approfondita». Non si escludono dunque provvedimenti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.