Progetto europeo Blueriver, Jesi capofila

JESI – Il Comune di Jesi fa da apripista per il progetto “Blueriver – Building smart governance for the resilience of river communities”, aderente al programma “Interreg: Italy – Croatia”, presentato alla stampa ieri mattina alla presenza dell’assessore all’Ambiente Cinzia Napolitano, insieme a Marco Cardinaletti consulente per i progetti europei del Comune di Jesi, David Belfiori direttore della riserva Ripa Bianca, Giuliana Porrà vicesindaco del Comune di Altidona e Gloria Sordoni funzionario della regione Marche (PF Difesa del Suolo e della Costa).

“L’obiettivo – commenta l’assessore all’ambiente Cinzia Napolitano – è quello di condividere l’esperienza dei Contratti di Fiume, scambiarci le conoscenze e tutto ciò che è stato fatto fino ad ora. Implementare le azioni sia per il rischio idrogeologico, sia per la questione dei cambiamenti climatici e della capacità del territorio di rigenerarsi, la cosiddetta resilienza del territorio. Vogliamo capire quali sono i punti di forza e di debolezza del territorio del fiume Esino, e lavorare per migliorarlo”.  Si tratta dunque di un programma di Cooperazione Territoriale Europea, finanziato dal FESR, che promuove la cooperazione transfrontaliera tra territori italiani e croati che si affacciano sul mare Adriatico. Negli ultimi anni, in alcuni paesi europei e in Italia, una nuova forma di accordo è stata implementata tra autorità locali, associazioni di cittadini e ditte private localizzate lungo i corridoi fluviali, i Contratti di Fiume: una metodologia innovativa per la gestione delle acque, basata su una partecipazione attiva degli attori locali.

Sono partner di questo progetto, sia italiani che croati, il Comune di Altidona, Gal Valli Marecchia e Conca, il Comune di Salvi, la Regione Marche – PF Difesa del Suolo e della Costa, Città di Karlovac (HR), Città di Buzet (HR), Agrra – Agenzia rurale Zadarske Zupanije (HR), Gal Northern Istra (HR) e Città di Ploce (HR).

“Con questo progetto – spiega Marco Cardinaletti – andremo a movimentare fino a 200 attori, dai consorzi di bonifica, alle autorità dei bacini che si occupano di gestione dei rischi, alla protezione civile. “Interreg” è un’opportunità importante perché se il progetto viene finanziato, sarà interamente finanziato, quindi chi oggi è arrivato ad ideare un progetto che costa 2milioni e 300mila euro, si vedrà entrare un finanziamento sicuro al 100%. Ma soprattutto perché si potrà assicurare un miglior status delle acque, ridurre il rischio di alluvioni, preservare la natura e la biodiversità”.

“Il comune di Altidona ci crede molto – interviene il vicesindaco Porrà – siamo gli unici partner della regione Marche, ed hanno aderito al nostro Contratto di Fiume già 13 comuni. La nostra valle dell’Aso è molto diversa dalla vostra dell’Esino, non ha l’eccellenza che è Ripa Bianca, ma puntiamo molto sull’agricoltura; e dunque questo progetto è fatto ad hoc per noi”.

“Il contratto di fiume è un processo inclusivo – commenta David Belfiori – che vede il coinvolgimento di tutte le parti associate come punto di forza. Si vuol far sì che le persone che normalmente frequentano il fiume, come pescatori, cacciatori, turisti, agricoltori, possano segnalare le cose che non vanno, come strade dissestate o scarichi abusivi, e tanto altro. Il tutto grazie a dei corsi di formazione per veri e propri custodi del fiume Esino, e ad un’applicazione sul proprio telefonino, per far diventare questo progetto, un progetto di cittadinanza attiva”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*