Progetto Job Club, la metà dei partecipanti ha trovato lavoro | Password Magazine
Festival Pergolesi

Progetto Job Club, la metà dei partecipanti ha trovato lavoro

Illustrati gli esiti del progetto che ha coinvolto gruppi di partecipanti da ottobre a dicembre 2019

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Il 56% dei partecipanti al Job Club di Jesi è riuscito a concretizzare opportunità lavorative. Questo è ciò che è emerso dalla conferenza stampa tenutasi al Comune di Jesi in merito al progetto finanziato dal bando di Cariverona durato 10 settimane nel periodo ottobre/dicembre 2019.
Durante questo periodo di tempo i giovani sono stati accolti presso l’Informagiovani gestito dalla cooperativa sociale Costess mentre gli adulti in cerca di occupazione nell’aula didattica di Palazzo Pianetti e al museo archeologico.

L’iniziativa, che si identifica come un aiuto ai giovani e ai soggetti disoccupati nel trovare un’occupazione lavorativa, ha visto come partecipanti soggetti di fascia di età compresa tra 19 anni e 53 anni, e di diversi livelli di istruzione (laurea, diploma di maturità e licenza media); più della metà dei soggetti (13) era in uno stato di inoccupazione di durata inferiore ad un anno, mentre i restanti in uno stato più prolungato. Il 56% del totale è riuscito a trovare lavoro in diversi ambiti, nel settore dei trasporti, in ambito commerciale, in ambito culturale e nella vendita al dettaglio.

L’obiettivo del Job Club è stato quello di portare i partecipanti ad una autonomia nel ricercare lavoro, «creata sulla base della consapevolezza delle proprie competenze, professionalità e motivazione», come ha affermato il dott. Daniele Orazi, psicologo delle organizzazioni e trainer certificato Job Club.

«La cosa più importante è vedere il cambiamento nelle persone e formarle per far capire loro che sono gli agenti di quello che vanno a costruire – fa sapere il dott. Orazi -. Non è l’istituzione o il datore di lavoro, è la persona che è in grado di generare opportunità lavorative».  D’accordo Giulia Bellagamba dell’Informagiovani di Jesi che ha rimarcato l’importanza del confronto reciproco nel migliorare l’atteggiamento nella ricerca attiva di un impiego, sicuramente più positivo.

Indice della riuscita di questo progetto è infatti l’ottimo livello di soddisfazione dei partecipanti, per ciò che riguarda l’organizzazione del corso, l’acquisizione di nuove tecniche di ricerca del lavoro, l’aumento della propria motivazione e il raggiungimento dell’obiettivo professionale.

«Siamo stati i primi a promuovere nelle Marche il Job Club e il suo valore è stato riconosciuto in senso più ampio –sono le parole di soddisfazione dell’assessore alle Politiche giovanili Marisa Campanelli –. Deve cambiare il modo e la responsabilità che la persona ha nel trovare lavoro. Nell’ambito del proggetto hanno tutti raggiunto lo scopo di aumentare l’aspetto motivazionale e la conoscenza di sé».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.