Progetto SPRAR, Maiolati accoglie 21 immigrati | | Password Magazine

Progetto SPRAR, Maiolati accoglie 21 immigrati

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MAIOLATI SPONTINI – Anche il Comune di Maiolati Spontini ha aderito lo scorso anno al progetto SPRAR (Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati) per l’accoglienza di immigrati.

Saranno al massimo 21 gli stranieri da collocare nel territorio maiolatese, così come previsto dal bando emesso dall’ASP di Jesi che eroga i servizi sociali per 21 Comuni della Vallesina.

Il progetto SPRAR, promosso dal precedente Ministero dell’Interno e applicato tramite le Prefetture,  si basa infatti sul concetto di prevedere una accoglienza diffusa stabilendo un tetto massimo di persone in base agli abitanti.

«Questo tema che da diversi anni è al centro dell’attenzione della pubblica opinione sta interessando in modo specifico anche la nostra comunità – fa sapere il sindaco Umberto Domizioli, in occasione del bilancio del primo semestre 2018   – La nostra gente ha da sempre mostrato tolleranza e disponibilità a integrarsi con culture diverse tanto che risiedono nel comune mediamente 500 persone di nazionalità diverse da quella italiana. L’Amministrazione Comunale è stata da sempre sensibile a questo problema cercando di facilitare l’integrazione con iniziative varie e creando anche, con apposita sede, la “Casa delle Culture”. Il discorso degli immigrati e richiedenti asilo, seppur di origine diversa, va inserito in questo contesto ed in quello dell’obbligo di ogni comune di farsi carico, ognuno per la propria parte, di questo fenomeno epocale che sta investendo l’Europa».

L’associazione di cooperative che ha vinto il bando ora ha l’obbligo di trovare appartamenti idonei con tutti i requisiti richiesti, di seguire costantemente con una presenza quotidiana i vari gruppi e soprattutto di cercare un inserimento concreto nella comunità attraverso molteplici iniziative e anche attraverso impiego in piccole attività lavorative con la collaborazione del comune, delle associazioni ed anche di imprese private: «Credo – aggiunge il sindaco – che ci siano tutte le premesse per far fronte nel modo migliore a questo fenomeno al quale, ripeto, non possiamo e non dobbiamo sottrarci».

«L’obiettivo è di costruire e rafforzare una cultura dell’accoglienza, oltre che favorire la continuità dei percorsi di inserimento culturale e socio-economico dei beneficiari – ha aggiunto l’assessora ai Servizi sociali Irene Bini – L’Amministrazione sta valutando inserimenti in attività pratiche legate all’organizzazione del Comune come il mantenimento dell’igiene urbana e del verde. Sono certa che questo percorso favorirà l’integrazione con la cittadinanza in maniera positiva e senza pregiudizi».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.