Pronto il Piano di Emergenza comunale, a Jesi medio-alto il rischio sismico | Password Magazine
Festival Pergolesi

Pronto il Piano di Emergenza comunale, a Jesi medio-alto il rischio sismico

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Approvato nel settembre dello scorso anno dal Consiglio comunale, il Piano di Emergenza di Jesi è stato finalmente redatto e reso consultabile e accessibile ai cittadini. Il Piano elenca i rischi cui il territorio è sottoposto, le azioni preventive di controllo e le risposte operative conseguenti ad eventi che possono produrre effetti dannosi nei confronti dell’uomo, dell’ambiente e del patrimonio.

A presentarlo stamane in conferenza stampa nello stand fieristico del Comune in piazza della Repubblica il sindaco Massimo Bacci insieme all’assessore ai Lavori pubblici Mario Bucci e al consigliere delegato alla Protezione civile Graziano Tesei. “Ad un mese esatto dal sisma, finalmente redatto il piano di emergenza comunale che permetterà di inquadrare i vari interventi, su cui c’era molta confusione” , ha detto il Sindaco. “Un piano d’emergenza che non nasce come conseguenza del sisma – aggiunge l’assessore Bucci – Piuttosto un impegno preso in precedenza e che, da oggi in poi, sarà portato alla conoscenza dei cittadini”.

Il Piano, infatti, è interamente consultabile al sito del Comune (www.comune.jesi.an.it), dalla app Municipium e descritto ampiamente nel periodico di informazione comunale JesiOggi. Sarà inoltre illustrato in incontri pubblici e nelle scuole, anche con esercitazioni di Protezione civile.

“Il piano è suddiviso in quattro parti – spiega il consigliere Tesei – L’analisi del contesto, che contiene tutte le informazioni significative necessarie alla conoscenza del territorio; l’elenco dei rischi, ossia degli elementi antropici che potrebbero originarie criticità; la prevenzione al fine di limitare i rischi legati ad eventuali incendi, terremoti o alluvioni; la gestione dell’emergenza che identifica le relative strutture per le operazioni decisionali e un sistema articolato di soccorso. Compito del Comune è coordinare, dunque, gli aiuti e i gruppi di Protezione civile e volontari che operano nell’emergenza”.

I rischi presi in considerazione dal Piano per il territorio comunale riguardano il rischio idraulico (esondazioni ed allagamenti); idrogeologico (frane e dissestri); sismico; incendi boschivi. Il più preoccupante è il rischio sismico: secondo le analisi del territorio, infatti, la città di Jesi, come quasi tutti i Comuni della Regione Marche, è classificata con un indice di rischio medio-alto, al livello 2 in una scala di valore che va da 1 a 4, laddove 1 è indice di alto rischio e 4 è il minimo.

E’ possibile, dunque, che anche a Jesi un terremoto possa provocare danni: per questo è importante informarsi, fare prevenzione ed essere preparati ad un’eventuale scossa. Ricordando che non è il terremoto che uccide ma il crollo degli edifici: è importante dunque sapere in anticipo come è stata costruita la propria casa, su quale tipo di terreno e con quali materiali, se è stata realizzata o modificata successivamente rispettando le norme sismiche. “Non è detto che un edificio del centro storico sia meno sicuro di uno degli anni ’80: tutto sta a come è stata costruito. Se è fatta in pietra, se in muratura o in cemento armato – conclude Bucci – Per questo se si hanno dubbi o semplicemente per saperne di più sulla propria casa, è necessario rivolgersi ad un tecnico esperto: a volte basta rinforzare i muri portanti o migliorare i collegamenti fra pareti e solai”. Anche all’aperto, in caso di sisma guardarsi bene da edifici, alberi e lampioni per non essere colpiti da vasi, tegole e altri materiali che cadono. Se si rimane in casa, cercare il muro portante o una trave oppure ripararsi sotto un tetto, o un tavolo resistente. Accorgimenti importanti che, se applicati – come dimostrano alcuni casi di sopravvissuti ad Arquata e a Pescara del Tronto – possono salvare la vita.

Chiara Cascio

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.