Pronto soccorso, attese lunghe ore e pazienti su barelle per giorni

JESI  -Intervento di Massimiliano Lucaboni, coordinatore della sezione Forza Italia di Jesi, sul Pronto Soccorso dell’ospedale “C..Urbani”

10 mila euro. Tanto è costato lo schermo presente nella sala triage del nostro ospedale ” modello” . Uno schermo che nelle intenzioni dovrebbe aiutare il personale a gestire le persone che accedono al pronto soccorso, ma che in realtà mette solo in difficoltà gli operatori che lavorano al medesimo triage. Su quello schermo compaiono le ore, non i minuti, di attesa che i pazienti aspettano per poter essere ammessi alla visita. E’ chiaro che vedere su quello schermo di attendere 5-6 ore per una visita preoccupa, sopratutto se poi nella realtà lo stesso personale sa che quelle attese sono fittizie perché cambiano in base agli arrivi al PS: tuttavia gli astanti, non sapendolo, chiedono e chiedono in continuazione al personale di turno, ovviamente, scaricando su di loro le colpe della situazione.

A peggiorare le cose, i lavori che si stanno facendo al C.Urbani. Lavori che al momento prevedono in pratica una saletta dove verranno messe due barelle, non posti letto, ma barelle, dove mettere i pazienti in visita. Barelle dove per due giorni un anziano, entrato in pronto soccorso domenica scorsa fino a martedì sera è stato costretto a rimanere in attesa di un posto letto. Insomma caos nel caos. Poi rimane il problema del personale carente come si sa. Qualcuno oggi accenna a parlare di nuove assunzioni. Non è vero. E’ aperto non un bando di assunzione ma un avviso pubblico di 3 anni che però non prevede assunzioni ma il rinnovo di contratti in scadenza in questo periodo, quindi nessun aumento del personale ma riutilizzo dello stesso con rinnovi contrattuali. Una presa in giro esattamente nello stile del jobs act di Renzi.

Insomma finché non si comprenderà che la sanità non è un costo ma un investimento le chiacchiere stanno a zero. Ci vuole personale vero, assunzioni vere e non finte e poi due sale triage una per i casi urgenti l’altra per i codici bianchi e verdi. Altrimenti tutto rimane in carico al personale che già oggi si sobbarca un peso inimmaginabile”.

Comunicato da: Massimiliano Lucaboni – Forza Italia Jesi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*