Pronto Soccorso e 118, criticità e soluzioni del M5S Marche | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Pronto Soccorso e 118, criticità e soluzioni del M5S Marche

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – L’intervento di Matteo Stronati, candidato di Jesi al Consiglio regionale per il Movimento 5 Stelle, sul tema pronto soccorso e il sistema 118, dalle criticità della situazione attuale alle proposte del M5S per le Marche.

“L’attuale organizzazione del 118 nelle Marche l’organizzazione è disomogenea e molto dispendiosa (il DGR Marche n. 131/2014 prevede per la sola Emergenza Sanitaria, per la disponibilità dei Mezzi dati in convenzione alle Associazioni di Volontariato, un tetto di spesa pari a circa 19.000.000 € all’anno ).

La disomogeneità comporta un differente servizio offerto alla cittadinanza, non sempre qualitativamente accettabile, a seconda delle differenti aree geografiche della Regione, spesso accompagnato da uno spreco di risorse. Attualmente il Territorio regionale è suddiviso in ‘zone di intervento’ che variano a seconda della densità di popolazione, delle caratteristiche geografiche e dalla distanza dai presidi ospedalieri. Per ogni zona è previsto un certo numero di ambulanze denominate MSB (Mezzi di Soccorso di Base) con a bordo personale volontario/dipendente formato ma non sanitario; tale servizio è affidato per la maggior parte alle Associazioni di Volontariato facenti capo all’A.N.P.A.S., alle Misericordie, alla CRI e marginalmente a soggetti privati quali Cooperative e Società di trasporto infermi. Sul territorio sono presenti, in alternativa agli equipaggi sopra citati, gli equipaggi MSI (Mezzi di Soccorso Intermedio o ambulanza infermieristica) composti da Autista di Ambulanza e Infermiere Professionale (Sanitario); tali equipaggi sono per la maggior parte sono composti da personale dipendente dell’ASUR. Infine sono presenti sul territorio anche gli equipaggi MSA (Mezzi di Soccorso di Avanzato) composti da Autista di Ambulanza, Infermiere Professionale e Medico (su ambulanza o automedica), i quali sono chiamati ad intervenire nei codici di maggiore gravità e quelli in cui è in pericolo una funzione vitale del paziente. La scelta di quale equipaggio debba intervenire a seguito della chiamata spetta al personale della Centrale Operativa 118 secondo determinati protocolli operativi.

La stragrande maggioranza dei mezzi di soccorso presenti sul territorio è composta dagli equipaggi MSB (non sanitari); la presenza degli equipaggi MSI è alquanto scarsa mentre la presenza degli equipaggi MSA è piuttosto uniforme sul territorio, in base agli standard della Legge Balduzzi che ne detta i parametri in merito alla dislocazione.

La Regione Marche ha anche un sistema di elisoccorso con due elicotteri che sono adibiti ai servizi cosiddetti primari (118) e ai trasporti secondari urgenti (paziente critico già ospedalizzato che viene trasferito in altra struttura ospedaliera). L’operatività del servizio di elisoccorso è limitata all’orario diurno.

Le criticità di questo sistema risiedono tutte nella disomogeneità:

– Disomogeneità organizzativa del servizio 118 a seconda delle diverse aree geografiche, conseguenza del fatto che dal momento della sua nascita (1996) l’organizzazione è stata affidata alle ex Zone Territoriali; per tale motivo manca una regia regionale e una visione strategica di insieme.

– Disomogeneità qualitativa del servizio offerto in quanto nonostante la DGR 1405/2001 preveda un percorso formativo unico per i laici (non sanitari), riteniamo tale preparazione migliorabile al fine di garantire la salute del cittadino in ogni evenienza. Inutile aggiungere che tutto ciò ha come conseguenza il sostenimento di costi elevatissimi per il mantenimento di un sistema che non offre un servizio qualitativamente all’altezza. Le proposte del M5S per migliorare in maniera decisa ed evidente questa situazione sono, come sempre, semplici proposte di buon senso, che non necessitano di interventi straordinari o super-manager per essere messe in pratica:

– Ridisegnare la dislocazione delle Po.T.E.S. (postazioni territoriali di emergenza sanitaria) così da offrire un livello assistenziale adeguato su tutto il territorio regionale nel rispetto della normativa nazionale;

– Istituire una Centrale Operativa 118 Unica per tutta la Regione capace di coordinare anche eventi eccezionali, con riduzione dei costi rispetto al sistema attuale;

– Eliminare una eliambulanza e prevedere il volo notturno per quella che rimane in servizio dotando i maggiori presidi ospedalieri di piazzole per l’atterraggio notturno ( risparmio di circa 9.000.000 di € all’anno da destinare al potenziamento del personale sanitario sul territorio H24)

– Organizzare un nuovo modello di gestione dell’Emergenza Territoriale sul modello adottato in Emilia Romagna (Ravenna Soccorso), che a fronte di un importante investimento iniziale (tecnologico e in risorse umane) ha dato i suoi frutti nel medio periodo riuscendo a coniugare una diminuzione dei costi per la collettività a un netto innalzamento della qualità del servizio 118.

– Decongestionare i Pronto Soccorso della Regione Marche attraverso un reale potenziamento dei servizi sanitari alla persona sul territorio, mettendo in sinergia l’assistenza Infermieristica, i MMG (Medici di Medicina Generale) e le Guardie Mediche con il sistema territoriale di Emergenza Sanitaria.

– Uniformare la gestione del parco mezzi di soccorso su tutto il territorio regionale, attraverso l’acquisto centralizzato o leasing operativo di tutti i mezzi di soccorso utilizzati dal personale dipendente dell’ASUR (evitando così elevati costi di manutenzione delle ambulanze ormai obsolete o noleggi temporanei dal costo fino a 250€ al giorno a carico dell’amministrazione)

– Prevedere dei protocolli di formazione continua con esame finale di idoneità rilasciato annualmente a chi effettua soccorso sanitario, sia esso dipendente ASUR che dell’Associazione di Volontariato (sia in veste di volontario che di dipendente dell’Associazione)

– Concordare nuove forme di collaborazione – integrazione e supporto al sistema 118 centralizzato
con il mondo del volontariato.

– Eliminare gli sprechi attraverso centri di acquisto centralizzato delle attrezzature e dei mezzi a disposizione dell’Emergenza Territoriale.

Il Sistema Sanitario marchigiano deve tornare ad essere un’eccellenza per standard, tempi e qualità delle prestazioni, senza la casuale spada di Damocle dei tagli lineari che non guardano in faccia ai bisogni e alle effettive esigenze delle persone in nome di una visione esclusivamente “ragionieristica” della Salute pubblica.

Vogliamo per tutti una Sanità in grado di soddisfare i cittadini attraverso un servizio veramente pubblico, vicino alle diverse realtà regionali ed efficiente”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.