Pronto Soccorso, emergenza nell'emergenza: in 40 in attesa e un solo medico al turno di notte | | Password Magazine

Pronto Soccorso, emergenza nell’emergenza: in 40 in attesa e un solo medico al turno di notte

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – “La situazione del Pronto Soccorso di Jesi è divenuta esplosiva e non più tollerabile : ieri mattina erano in attesa 40 persone, in serata ve ne erano 36 mentre ci si avvicinava al turno di notte con un solo medico in attività con tutte le conseguenze del caso”. La denuncia arriva dal presidente del Tribunale per i Diritti Malato (TDM)  Pasquale Liguori: “Tutto questo sta perdurando ormai da mesi con esasperazione del personale sanitario del PS e soprattutto mettendo a rischio la salute dei cittadini (vedasi il caso dell’uomo deceduto dopo ore di attesa su una barella). Ma la Direzione dell’Area Vasta dice che attende l’esito del concorso bandito, il che a nostro avviso porterà personale al Pronto Soccorso non prima di un mese. Noi diciamo che non si può e non si deve attendere oltre, ci troviamo in piena epidemia influenzale, ma anche con il rischio meningite di cui ogni tanto si sente parlare e per il quale siamo davvero preoccupati visti anche gli spazi risicati del PS nel caso si dovessero presentare casi sospetti”. Ecco allora le soluzioni proposte da Liguori: “Ancora una volta invitiamo la Direzione, con l’accordo delle OOSS,  a utilizzare i medici del 118 ma anche a spostarne altri da altre strutture dell’Area Vasta”. In ultima analisi: “viste le carenze organiche delle UO, chiamare a turni aggiuntivi  anche  i medici  delle UO del Carlo Urbani , ovviamente retribuendoli , e tutto questo in via temporanea in attesa dei “rinforzi”. Ci troviamo di fronte ad un emergenza nell’emergenza e pertanto, qualora tutto restasse cosi , valuteremo il ricorso alle vie legali in quanto a nostro avviso nella fattispecie in questione si può ravvisare  il reato di interruzione di pubblico servizio : vi sono infatti sentenze della Cassazione che hanno configurato tale reato anche senza la concreta  cessazione dell’attività , in presenza di un mancato servizio tempestivo , ordinato ed efficiente”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.