Pronto soccorso, il caos regna sovrano. Liguori: "Basta che se ne parli" | Password Magazine

Pronto soccorso, il caos regna sovrano. Liguori: "Basta che se ne parli"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – “Basta che se ne parli. Questo è,  ahimè, lo sconsolato motto di una organizzazione come la nostra che aspetta sempre che le sue denunce siano raccolte e fatte proprie dalle istituzioni, il che purtroppo il più delle volte non avviene”. Così il presidente del Tribunale per i Diritti del Malato (TDM) Pasquale Liguori commenta la notizia apparsa sulla stampa dell’attacco di Melappioni al sindaco Massimo Bacci sui i problemi del Pronto Soccorso di Jesi, tacciandolo di scarsa incisività verso le scelte regionali. “Di fronte a tale “uscita” non possiamo esimerci da trovarla strana e meritevole di risposta – fa sapere Liguori tramite nota stampa – Ci poniamo quindi alcuni interrogativi : ma Melappioni in nome di chi parla: ma lui non è quel PD che governa la Regione? Non è quell’ex assessore alla Sanità regionale del PD che a suo tempo ha avallato la nascita dell’ASUR, questa macchina infernale che sta dilaniando la nostra Sanità?Ma lui Melappioni non è quel politico del PD che non ha fatto nulla per poter farsi che Jesi fosse la sede della Area Vasta 2?”. Si interroga il presidente del Tribunale dei Diritti del Malato: “Perché questa uscita sul Pronto Soccorso ? E’ forse già iniziata la campagna elettorale per le amministrative del 2017? In questo caso, sarebbe davvero squallido parlare di Sanità soltanto in procinto di elezioni, anche se ciò per la verità non ci meraviglia , è stato sempre così”.

Intanto nei giorni scorsi, Liguori fa sapere di essere tornato al Pronto Soccorso: “Il caos regnava sovrano: otto barelle nei corridoi, parenti in  cerca dei propri congiunti, pazienti in attesa di “ destinazione” senza nessuna privacy ( le vetrate al di sopra dei barellati dietro i separé che riflettevano tutto quello che avveniva) una decina di pazienti nella sala di attesa con codici verdi e bianchi in attesa da 10 ore . Tutto questo con medici e infermieri in grande affanno con una dedizione al lavoro davvero encomiabile. E oggi abbiamo lanciato un appello anche ai Sindacati : promuoviamo insieme iniziative forti verso l’ASUR per avere quello che ci spetta a livello di organico e di posti letto”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.