Pronto soccorso, il Tribunale Diritti del Malato: "Situazione drammatica, faremo denuncia all'Asur" | | Password Magazine

Pronto soccorso, il Tribunale Diritti del Malato: "Situazione drammatica, faremo denuncia all'Asur"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – “Non c’è giorno che non riceviamo segnalazioni di lunghe attese al Pronto soccorso, alle quali, con nostro grande imbarazzo e rabbia, non possiamo che rispondere che faremo denuncia all’ Asur e pubblicamente sulla stampa”: sono le dichiarazioni del presidente del Tribunale per i Diritti del Malato di Jesi dr. Pasquale Liguori che denuncia tramite invio di nota la situazione “drammatica” del Pronto soccorso di Jesi. “Sono ormai anni che in prima persona lancio allarmi sui possibili rischi che ci possa prima o poi scappare il morto – si legge nella nota  – e così purtroppo ogni tanto avviene: vedi il caso della donna deceduta nei giorni scorsi. Le giustificazioni addotte dall’Asur per la situazione del Pronto Soccorso sono assolutamente non ricevibili: mettere a disposizione dei posti letto in altre Unità Operative è una soluzione già in partenza non percorribile perché la situazione dei posti letto nel nostro ospedale è di per sé in carenza cronica e peraltro soggetta a continui tagli”.

“Come si può pensare poi che un mnedico del Pronto Soccorso si faccia carico anche di pazienti in appoggio presso Unità Operative e che il personale infermieristico delle stesse, già allo stremo, possa seguire anche i pazienti del Pronto soccorso?” si chiede Liguori.

Neanche il completamento del personale organico, con il raggiungimento di 14 unità mediche, sarebbe sufficiente a risolvere le problematiche: “I casi portati alla nostra attenzione in questi giorni hanno dimostrato quello che da mesi andiamo dicendo in ogni dove – scrive Liguori – Al Pronto soccorso di Jesi mancano tre requisti essenziali perché un’Unità di Emergenza – Urgenza possa funzionare al meglio”. Ovvero: “Riprogettare il Pronto Soccorso con spazi adeguati per il triage, per il post triage, spazi separati per gli interventi sanitari (codici gialli, verdi e bianchi), quelli per un’attesa assistita e altri ancora per parenti: nessuno ci venga a dire che non è possibile. Noi abbiamo già formulato più volte soluzioni al problema”. Inoltre, secondo il Tribunale per i Diritti del Malato, occorrerebbe “rivedere l’organizzazione dell’attività dell’emergenza-urgenza, in quanto certamente qualcosa non funziona sia nell’ambito del nostro Pronto Soccorso sia per quanto concerne la gestione dell’emergenza sul territorio dell’Area Vasta; mantenere sempre e comunque uno standard di personale adeguato per gli accessi; programmare in tempi utili soluzioni adeguate in vista dei picchi di accessi. Senza tutto questo le problematiche del PS non troveranno mai soluzione”-

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.