Pronto soccorso in tilt durante le Feste: «Il 70% di accessi sono impropri» | | Password Magazine
Banner4Baffi

Pronto soccorso in tilt durante le Feste: «Il 70% di accessi sono impropri»

JESI – Barelle nei corridoi e file interminabili al Pronto soccorso nei giorni di festa. A monitorare la situazione il Tribunale per i Diritti del Malato di Jesi che anche stamattina ha effettuato un sopralluogo nella struttura:  «La situazione oggi era leggermente migliorata (ma erano le 9 del mattino, chissà il proseguo) – scrive Pasquale Liguori, coordinatore del Tribunale – ma di barelle nei corridoi ve ne erano sempre in doppia fila, a ridosso delle quali vi era poi la fila di sedie sulle quali i parenti dei ricoverati attendevano risposte. Insomma tutto come avevamo preannunciato mesi fa quando denunciammo la carenza di medici al PS (meno tre medici), quella di OSS e di infermieri, nulla è cambiato da allora». Il Tribunale per i Diritti del Malato ha cercato di capire per quale tipo di patologia i pazienti hanno preso d’assalto il Pronto soccorso: «Le risposte sono state sempre le stesse: non abbiamo trovato il medico di famiglia. Il responsabile del Pronto soccorso ci ha confermato che circa il 70% di accessi sono impropri (unghie incarnite, mal di schiena, dolori cervicali ecc.) e ciò ripropone l’annoso problema degli accessi che non dovrebbero passare per il triage, le patologie minori per le quali non ci sono alternative sul territorio, in particolare durante le festività o semi-festività quando i pazienti non trovano la disponibilità del medico di famiglia o della guardia medica. Ma le nostre ripetute denunce riguardano anche l’ampliamento degli spazi del Pronto soccorso, promesse fatte dai vari direttori generali e mai attuate, una necessità imprescindibile sia per non la vergogna delle barelle nei corridoi sia per dare riservatezza a chi si trova su un lettino in attesa di una diagnosi». 

Un’altra preoccupazione riguarda il passaggio di Cingoli all’AREA VASTA 3: «Una decisione sciagurata diciamo noi, la struttura ha una dotazione complessiva di 40 posti (30 lungodegenza riabilitativa e 10 di cure intermedie); ci chiediamo dove troveranno posto i pazienti che sino ad oggi afferivano a Cingoli? Per affrontare le problematiche qui evidenziate preannunciamo una prossima conferenza stampa con OOSS, RSU e Comitato difesa ospedale di Jesi per intraprendere nuove iniziative , visto peraltro che la nostra richiesta di audizione alla IV commissione non ha avuto nemmeno un riscontro : ma la vergogna non è nel dna dei nostri politici regionali».  

1 Commento su Pronto soccorso in tilt durante le Feste: «Il 70% di accessi sono impropri»

  1. Egr. Governatore & C, com’era :”maestà (o Boss cambia poco) il pane è finito il popolo ha fame”…. Com quel che ne conseguì. Più o meno ci diamo (politicamente)… mica siamo in Francia.. purtroppo.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.