Astralmusic

Pronto soccorso, lettini nei corridoi. Il Tribunale per i Diritti del Malato: “Riorganizzare l’emergenza”

Astralmusic

JESI – La situazione del Pronto soccorso di Jesi ancora una volta all’ordine della cronaca cittadina per la solita questione dei lettini nei corridoi: “Un aspetto che ormai denunciamo da tempo – comunica il coordinatore del Tribunale per i Diritti del Malato Pasquale Liguori– Ci auguriamo per questo che l’ampliamento dei locali avvenga quanto prima e soprattutto avvenga per risolvere definitivamente il problema degli spazi; ricordo che già in passato l’ASUR aveva fatto lavori di recupero spazi al Pronto Soccorso che però non hanno risolto la problematica. Sappiamo però già da ora che ampliarlo non risolve tutti i problemi. Bisogna affrontare con immediatezza tutta la questione organizzativa dell’emergenza“. A cominciare dal rispetto dell’organico standard previsto (13 medici): “Ad oggi siamo sotto di due unità e si paventa , a fine marzo, che vi sia un’ulteriore riduzione di altrettante , la qualcosa porterebbe ad un black out totale dell’attività. Non abbiamo ancora visto nell’albo pretorio avvisi o concorsi per la copertura dei posti vacanti ed abbiamo allora chiesto spiegazioni all’ASUR ,per il momento, senza ricevere risposta. Fermo restando poi che l’altro problema è quello di evitare accessi impropri, ritorniamo a gran voce a chiedere alla Regione perché le Case della Salute non sono state ancora attivate? Nelle more di ciò chiediamo alla Direzione ASUR di utilizzare medici di famiglia e guardie mediche per gestire i codici verdi e bianchi fornendo agli stessi locali adiacenti al PS”.

Altra porblematica da non trascurare riguarda le lunghe attese per eseguire  una consulenza specialistica dopo la visita al Pronto soccorso: “L’ASUR più volte ci ha risposto dicendo che è stato attivato il fast track e cioè l’ invio del paziente direttamente dallo specialista senza attesa al PS. Dobbiamo dire che il fast track non funziona affatto in quanto, senza dare risorse dedicate a questo servizio , esso non è attuabile in quanto i medici specialisti ( ortopedici, otorini, oculisti ecc.) non possono avere il dono dell’ubiquità e quindi fare attività di reparto e nello stesso tempo gestire i paziente provenienti dal PS”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*