Pronto soccorso, personale in "fuga": rischio di chiusura?

JESI – “Non passano giorni che non raccogliamo segnalazioni di lunghe attesa al Pronto Soccorso. Ancora una volta denunciamo lo stato di carenza di organico del PS di Jesi che potrebbe mettere a serio rischio il suo funzionamento in previsione dell’avvio della stagione invernale”. Queste le parole del presidente del Tribunale Diritti del Malato Pasquale Liguori che denuncia anche la mancanza di due medici di cui uno in maternità e l’altro in aspettativa: ” La situazione potrebbe ulteriormente aggravarsi a novembre quando a queste due assenze se ne potrebbero aggiungere altre due – attualmente in graduatoria per incarico di dirigente medico di Medicina –  per un totale di – 4 unità, con il rischio di decretare in maniera drammatica la chiusura del Pronto Soccorso. Ipotesi questa che ci auguriamo non si verifichi mai” aggiunge Liguori.

Secondo quanto riportato dal presidente del Tribunale Diritti del Malato, non risulterebbe peraltro che, a fronte di queste carenze, ci siano graduatorie valide né  di pubblico concorso né di avviso pubblico. “Senza contare che i membri del personale del Pronto Soccorso, in perenne carenza di organico e quindi con turni di lavoro massacranti, appena se ne presenta l’occasione, cercano di andare via e di contro ci sono pochissimi “aspiranti” medici o infermieri che vogliono candidarsi per il Pronto Soccorso – fa sapere preoccupato Liguori –  Sono ormai anni che denunciamo l’assoluto atteggiamento di non curanza dei vertici dell’ASUR AREA VASTA 2 nei confronti delle problematiche del Pronto Soccorso: ricordiamo che stiamo attendendo ancora una risposta da parte della Direzione per quanto concerne l’utilizzo  del personale  del 118 per le attività del Pronto Soccorso durante lo stand by dalla loro attività principale al fine di ridurre i tempi di attesa per i codici verdi e bianchi”. Liguori evidenzia inoltre, “ancora una volta, che nelle altre AREE VASTE essi già collaborano con il Pronto Soccorso in applicazione di una determina dell’ASUR Marche del 24 dicembre 2015″. E conclude :”Ci rivolgiamo anche alle organizzazioni sindacali di categorie che si attivino immediatamente per scongiurare questa “fuga” di personale dal Pronto Soccorso contrattando per esempio  con l’ASUR forme di incentivazione per cercare almeno di compensare adeguatamente questo lavoro di grande stress.Paradosso dei paradossi è che abbiamo rilevato che  oggi il paziente aspetta meno andando a Torrette che venendo qui a Jesi”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*