Protezione civile, i volontari della Vallesina a Pescara del Tronto: "Quel vuoto negli occhi di chi ha perso tutto" | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Protezione civile, i volontari della Vallesina a Pescara del Tronto: "Quel vuoto negli occhi di chi ha perso tutto"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

VALLESINA  – Sono rientrati domenica sera i due volontari della Protezione civile di Maiolati Spontini Marco Conti, coordinatore del gruppo comunale, e Simone Turchi, partiti la mattina del 28 agosto alla volta di Pescara del Tronto per consegnare ai campi di accoglienza i beni donati dalla comunità di Moie e Maiolati in occasione della raccolta organizzata sabato dall’Amministrazione comunale insieme al Gruppo di Protezione civile locale e ai Banchi alimentari parrocchiali.

“Dopo solo tre ore – spiega la consigliera delegata alla Protezione civile Stefania Lucidi – abbiamo raccolto, tra Moie e Maiolati Spontini, molto di ciò che ci era stato richiesto: 140 tute da ginnastica, 130 paia di ciabatte, 90 paia di calzini, 299 indumenti intimi. Il tutto, caricato sabato scorso, è partito domenica mattina alla volta di Pescara del Tronto. I volontari del gruppo di Protezione civile comunale, coordinati da Marco Conti, hanno consegnato ai responsabili del campo di Pescara del Tronto gli indumenti, che sono stati subito selezionati per tipologia ai fini della distribuzione. Ringrazio, a nome dell’Amministrazione comunale i cittadini per il grande cuore dimostrato”.

A Pescara del Tronto, frazione di Arquata,  il sisma ha mietuto 10 vittime, di cui due in case sparse del circondario. Venti i feriti, in codice ‘giallo’ e ‘rosso’, trasportati nell’ospedale di Ascoli Piceno da tutta la zona terremotata. Nel centro marchigiano sono stati oltre un centinaio coloro che hanno scelto le strutture messe a disposizione dalla Protezione civile. Qui è stato attivato anche un punto d’ascolto psicologico, dove opera uno psicologo della Protezione Civile. E intanto, ci si prepara ad affrontare l’arrivo delle prime intemperie che annunciano l’autunno.

“Siamo arrivati sul posto nella tarda mattinata di domenica – fa sapere il coordinatore Conti – La situazione al campo è ormai più tranquilla e tutti gli ospiti sono ben seguiti. Grazie all’adeguatezza delle strutture, il calo delle temperature non sarà una minaccia”. Alle tendopoli, circondate da paesaggi punteggiati di macerie e polvere, il  cuore di chi si trova in quei posti per prestare soccorso si stringe: “Negli occhi degli sfollati si legge il vuoto: appaiono seri e senza espressioni – ricorda Marco –  Poi ad un tratto l’ansia e il terrore quando, domenica scorsa, c’è stata un’altra scossa di terremoto. Il calore lo si ritrova solo nei piccoli gesti della quotidianità, come quando si sta a tavola o si ricevono parenti in visita”.

A Pescara del Tronto, sotto le insegne dell’Unione dei Comuni della Media Vallesina, c’erano anche i due volontari del Gruppo di Maiolati Spontini di Protezione civile, Sandro Montesi e Marco Santarelli, arrivati giovedì scorso insieme ai due del Gruppo di Castelplanio Stefano Crocione e Lorenzo Mazzieri –  referente quest’ultimo della Protezione civile dell’Unione –  e a Giovanni Bernardini, coordinatore del Gruppo di San Paolo di Jesi.

Da Maiolati, domenica sono arrivati anche Claudio Federici e Laura Elce Fabbretti. 

Non appartenenti all’Unione dei Comuni, il giorno dopo il sisma sono partiti alla volta di Pescara del Tronto anche i volontari della Protezione civile di Santa Maria Nuova, di Filottrano, di Monte Roberto, di Serra San Quirico e altre organizzazioni locali.

Rientrati i volontari dell’Unione dei Comuni della Vallesina, che non ripartiranno almeno fino al 10 settembre, sono partite oggi per Pescara del Tronto nuove squadre: Protezione civile di Castelbellino, Monsano, Cerreto d’Esi, Corinaldo, Staffolo e Trecastelli, insieme a i Falchi della Rovere e ANVFV. 

Commoventi e tragiche le immagini e le parole riportate dalla pagina Facebook del Gruppo di Protezione civile di Serra San Quirico, coordinato da Umberto Caldaroni: “Poche immagini per raccontare lo strazio, la morte, la paura che stanno vivendo le persone, in questo caso di Pescara del Tronto. Grazie a chi ci ha dato la possibilità di esserci, di portare una minima testimonianza: abbiamo imparato tanto in un solo giorno”.

 

(Chiara Cascio)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.