Provincia, parla Alfredo Punzo: "Il "civismo" finalmente nel Consiglio" | Password Magazine

Provincia, parla Alfredo Punzo: "Il "civismo" finalmente nel Consiglio"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI  – In vista della seduta inaugurale del neo Consiglio Provinciale, prevista per  il 28 ottobre, il consigliere provinciale di Jesi Alfredo Punzo, lista “Ancona Provincia Civica, comunica quanto segue:

“L’esito delle elezioni provinciali del 12 u.s. sono andate largamente secondo “copione”: un quasi “cappotto” del PD (su 12 consiglieri, 9 per “Unione Democratica”, 2 alla lista di centro-destra “La Provincia per i Comuni” ed 1 alla lista civica “Ancona Provincia Civica”) mentre l’elezione della PD Eliana Serrani al ruolo di Presidente era addirittura certa ancor prima del voto in quanto unica candidata. L’affluenza alle urne è stata altissima, specie se si considera l’autoesclusione dal voto del M5S: 79% degli aventi diritto, ovvero 508 dei 647 sindaci e consiglieri dei comuni della provincia.

Il fatto che il 28 p.v. si inauguri il nuovo Consiglio stimola alcune considerazioni politiche su queste elezioni.

La prima è che l’evento è passato “sotto silenzio” tant’è che la stragrande maggioranza dei cittadini (inclusi moltissimi consiglieri comunali) era convinta che l’istituzione provinciale fosse stata eliminata dal nostro ordinamento. Mentre la legge 56 dell’aprile scorso non solo non ne scalfisce esistenza e competenze ma ne ha stravolto il meccanismo elettorale, “privatizzando” di fatto alle segreterie dei partiti la gestione dell’Ente, esautorando così i cittadini dal diritto a scegliere chi debba gestire le importante risorse economiche destinate a servizi delicati (in Ancona sono almeno 120 milioni di euro). Il PD è stato senz’altro il protagonista ed il pilota di questo risultato mediatico, e la partecipazione “bulgara” al dei suoi consiglieri testimonia l’enorme valore che – invece  – questo stesso partito deve aver attribuito (giustamente) alla cosa.

La seconda considerazione riguarda il prosieguo dell’avvitarsi del centrodestra in una drammatica crisi che non è locale e nemmeno occasionale ma è sistemica: e dalla quale  è bene che si decida ad uscire, sganciandosi da 20 anni di leaderismo devastanti e puntando su un deciso rinnovamento di uomini e leadership, volto al recupero delle idee e dell’elettorato liberale, che restano, al di là degli orientamenti di ciascuno di noi, un patrimonio di tutto il Paese. Se non ce la fa, è fortissimo il rischio che la politica regionale possa avvitarsi in un monocolore che  – qualunque ne sia il colore – non è mai una cosa auspicabile per la salute della democrazia.

Il terzo punto, che mi riguarda da vicino, è l’ingresso in Provincia del “civismo”, su cui nessuno aveva puntato un solo centesimo. Forse è la prima volta che il civismo riesce ad uscire dalle aule comunali in cui è sempre rimasto confinato. E lo fa con una mission precisa: interpretare la domanda politica espressa dai cittadini di maggiore priorità in questo momento, ovvero restituire “civiltà politica” all’azione amministrativa. Una civiltà che il civismo – lì dove governa – ha dimostrato di saper interpretare con la scelta delle persone e la capacità di distinguere e tenere separati il ruolo della Politica da quello degli Amministratori; con il risultato di assicurare efficacia ed efficienza all’impiego delle risorse e sostenibilità dei target qualitativi e quantitativi cui devono puntare i servizi ai cittadini.

Sono cose semplici da enunciare ma complicatissime da ottenere in questo sistema politico “perverso”, in cui “mestiere” e “interessi” assolutamente di parte (quando non di congrega o personali) prevalgono su tutti e su tutto facendo del “bene comune” un disvalore che cede il passo alla possibilità di concedere privilegi e vantaggi, non importa di che entità, in cambio di consenso. Temo che, se le Provincie sono ancora in piedi, sia perché maggiore è il numero di “posti” e la frammentazione decisionale, più difficile diventa il controllo delle risorse e più numerose le occasioni di “scambio”. Ed il silenzio assordante di cui è stato “foderata” questa tornata elettorale dice – ahimè – tutto e di più sul “cui prodest”!

In  Provincia farò, ovviamente, opposizione a tutto questo. Proverò, soprattutto, a “seguire il percorso dei soldi”, perché è l’unico percorso che ti fa capire cosa accade in realtà. Pretenderò di capire in base a quali criteri vengono destinate le risorse e scelti gli uomini deputati a gestirle. E lo farò sapere. Perché i “casini”, quelli veri, quelli che hanno affossato questo Paese – l’avete visto anche dalla reazione dei Governatori alla proposta di legge di Stabilità di Renzi – son tutti lì! E la gente lo ha ormai capito e non ne può proprio più”.

da Alfredo Punzo, consigliere provinciale lista “Ancona Provincia Civica

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.