«Stretta su movida, l'ordinanza non risolve il problema» | Password Magazine
Banner-Hedone
hedone

«Stretta su movida, l’ordinanza non risolve il problema»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Immagine di archivio ©Riproduzione riservata

JESI – A seguito di un incontro con il prefetto è stata emessa un’ordinanza del Comune che obbliga i locali del centro storico, per i prossimi tre fine-settimana (25 e 26 settembre e poi 1-3 ottobre e 8-10 ottobre) alla chiusura anticipata all’una. Il provvedimento nasce dalla volontà dell’Amministrazione comunale di adottare le necessarie misure di «contenimento e contrasto del degrado e del pericolo per la sicurezza urbana», intese come conseguenze della movida incontrollata e violenta denunciata in una recente lettera aperta di protesta dei residenti del centro, inviata a tutte le forze politiche del Consiglio comunale.

Una misura pensata per «assicurare una serena convivenza tra cittadini residenti e attività economiche, contrastando il consumo eccessivo di alcolici, al fine di evitare il verificarsi di episodi che pregiudichino il regolare e ordinato svolgimento della vita civile, la quiete e la vivibilità dei centri urbani».

L’Amministrazione, come riporta il documento, intende inoltre «contrastare, in particolare in orario serale e notturno, le situazioni che generano assembramenti spontanei non concretamente controllabili, al fine di garantire la salute pubblica in tempi di Covid». Il tutto anche alla luce del profondo disagio vissuto dai residenti delle aree limitrofe, disturbati dall’eccessivo consumo di alcolici degli avventori e dai conseguenti fenomeni derivanti dall’ubriachezza.

L’opposizione ha prontamente risposto all’ordinanza. Jesi in Comune aveva già presentato un’interrogazione firmata dalla consigliera Agnese Santarelli, datata al 22 settembre, in cui chiedeva «se e quali provvedimenti» il Comune intendesse adottare «a tutela della valorizzazione e cura del centro storico e dei suoi residenti» tenendo conto di quanto sia importante valorizzare il centro storico, ma anche di come «la questione sia complessa» e mai stata affrontata a pieno «con una vera e propria presa in carico collettiva» nel corso degli anni.

Il gruppo all’opposizione, criticando il costante atteggiamento dell’amministrazione tendente a «predisporre un’ordinanza sindacale senza aver intrapreso un dialogo continuo e costruttivo con tutti i soggetti coinvolti, per approdare insieme ad una soluzione condivisa», giudica la chiusura dei locali anticipata, senza altri tipi di interventi, non utile al fine di risolvere la problematica. Ritornando alla precedente interrogazione depositata, Jesi in Comune sottolinea come «per eccessivo e rigido formalismo che si riserva solo agli atti più spinosi politicamente», essa non sia stata ammessa alla discussione del prossimo consiglio, sebbene sollevasse «tutte le complesse questioni che andrebbero affrontate».

Per il gruppo che sta all’opposizione la soluzione sarebbe dunque quella di mettere bagni chimici adeguati a disposizione delle persone, per poi iniziare gradualmente un lavoro collettivo che già «doveva essere intrapreso anni fa».

 

A cura di Angela Anconetani Lioveri

 

 

 

 

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.