Pulizie comune di Jesi, due giorni di sciopero e sit-in | | Password Magazine

Pulizie comune di Jesi, due giorni di sciopero e sit-in

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Sono due i giorni di sciopero di tutti i lavoratori dell’appalto pulizie dei locali del Comune di Jesi dipendenti della CM service. L’astensione riguarda il 16 e 17 maggio, con presidio il 16 davanti al Comune di Jesi. La vertenza è nata a seguito di un forte calo delle ore, pur restando il numero dei locali da pulire, i lavoratori rischiano di non maturare la copertura contributiva nell’arco di un anno.

“A fronte del cambio di appalto delle pulizie dei locali pubblici del Comune di Jesi e della forte riduzione dell’orario di lavoro che ancora una volta viene perpetrata ai danni dei lavoratori in oggetto ad ogni cambio appalto nonostante i locali da pulire – fa sapere il sindacato Filcams Cgil Ancona – siano aumentati mentre il numero di lavoratori sia diminuito nel corso degli anni e mai rimpiazzato. Siamo stanchi di vedere che nonostante i nostri solleciti e nonostante la firma del protocollo sugli appalti dell’Anci Marche, non ci sia la volontà concreta di costruire insieme alle parti sociali un capitolato di gara con delle regole certe rispetto alle clausole di salvaguardia, alle garanzie occupazionali e di reddito dei lavoratori. Abbiamo bisogno di clausole chiare, che non lascino adito ad interpretazioni delle imprese aggiudicatrici che fanno poi i loro conti sulle spalle dei lavoratori.  Siamo stanchi di vedere che dopo che il sindaco alla riunione del si sia impegnato a tutelare questi lavoratori, veniamo a conoscenza che subito dopo il R.u.p. (Responsabile Unico del Procedimento) Dott. Della Bella, abbia specificato che le 160 ore, già risicate dai cambio di appalto precedenti, orario settimanale che gli 11 lavoratori impiegano già a fatica a pulire i locali, non siano vincolanti per le aziende che subentrano”.

E ancora: “Scrivere che le ore che un lavoratore impiega a pulire un locale con metrature certe non siano vincolanti per l’impresa equivale a dire che le aziende che si aggiudicano l’appalto possono tranquillamente prendere dai lavoratori stessi le perdite date da una gara di appalto costruita in quel modo, con il risultato che i locali pubblici vengano puliti poco e male ma allo stesso prezzo degli appalti precedenti. Ricordiamo che questi lavoratori stanno lottando da anni per il tfr delle ditte che scappano con il malloppo alla scadenza dell’appalto, oppure che tagliano stipendi già poveri con sistemi sempre più vari e creativi, lottano da anni per uno stipendio dignitoso contro l’attacco continuo ai loro salari alla loro serenità messa continuamente a dura prova. Infine il fatto che il R.U.P. Responsabile Unico dell’appalto Dott. Della Bella non abbia mai partecipato ad un incontro con il sindaco e si sia rifiutato esplicitamente di incontrare la scrivente O.S. in rappresentanza dei lavoratori per i chiarimenti dovuti relativamente al suo ruolo, mettono la parola fine ad ogni speranza sulla qualità dei rapporti istituzionali con le parti sociali”.

Da qui la Filcams Cgil proclama lo “Stato di Agitazione e lo Sciopero di tutto il personale delle pulizie dei locali del comune di Jesi e un presidio il giorno 16 sotto al comune di Jesi. Inoltre valuta di mettere in campo tutte le azioni di lotta affinché l’orario settimanale contrattuale dei lavoratori in oggetto non venga ripristinato come giusto e doveroso che lo sia“.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.