Pulizie in comune per meno di 200 euro mensili. E' sciopero | | Password Magazine
Banner4Baffi

Pulizie in comune per meno di 200 euro mensili. E’ sciopero

Lo sciopero avvenuto nel mese di maggio

JESI – Sono 11 i lavoratori degli appalti delle pulizie del Comune di Jesi che oggi hanno incrociato le braccia davanti al Municipio. “Da tre cambi di appalto a questa parte gli stipendi sono stati tagliati del 30%, stipendi non ancora pagati che non raggiungeranno i 200 euro mensili – spiega Rita Giacconi, segretario provinciale Filcam Cgil di Ancona – Questi lavoratori vengono per un’ora al giorno per un totale di otto ore settimanali. Sotto le 18 ore settimanali non c’è copertura contributiva a fine anno”.

Proclamato dalla Filcams Cgil di Ancona, lo sciopero è legato al cambio di appalto cui ha fatto seguito un taglio delle ore lavorative mentre le metrature dei locali da pulire sono aumentate. Lavoratori e sindacalisti hanno chiesto al sindaco Bacci di fissare un incontro tecnico tra le parti coinvolte (azienda, sindacato e Rup, responsabile unico procedimento, dott. Della Bella) per chiarire la vicenda che ha portato i dipendenti della Cm Service a proclamare lo stato di agitazione e lo sciopero. Continua Rita Giacconi: “Se il sindaco ci convocherà tra oggi e domani, sospenderemo lo sciopero e i lavoratori torneranno al lavoro. In caso contrario, la nostra mobilitazione continuerà con ulteriori iniziative di lotta. Quanto alle dichiarazioni del sindaco secondo cui le tempistiche di questo sciopero sarebbero “sospette” perché cadono in campagna elettorale, diciamo di non strumentalizzare la nostra vertenza: in ballo c’è la sorte di tante famiglie alle prese con una situazione di lavoro molto precaria”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.