Quartiere Minonna, il sindaco rassicura: «Previsti interventi».

JESI – Durante il Consiglio comunale di ieri pomeriggio, Andrea Binci (PD) ha presentato all’Amministrazione comunale un’interrogazione in merito alla lettera aperta arrivata al sindaco qualche giorno fa da parte del Comitato Minonna che elencava una serie di problematiche del quartiere e la mancata realizzazione degli interventi promessi. Portando la questione in aula, Binci ha voluto far chiarezza chiedendo se le proteste sollevate corrispondessero al vero e quali provvedimenti l’Amministrazione comunale intendesse adottare. Nell’interrogazione presentata si vedono elencate tutte le mancanze segnalate dal quartiere come l’illuminazione, l’installazione di telecamere, la cura dei marciapiedi, la pulizia delle strade nella zona Tre Valli e l’improvvisa scomparsa dei grandi cassonetti per la raccolta di sfalci e potature. 

Ha risposto all’interrogazione il sindaco Massimo Bacci il quale ha analizzato i vari punti evidenziando come per quanto riguarda l’illuminazione pubblica c’è un progetto di riqualificazione in corso partito nel settembre del 2017 che va a coinvolgere tutta la città. «Se non ci saranno intoppi dal punto di vista delle procedure burocratiche – ha detto Bacci- nel novembre del 2019 è previsto l’inizio dei lavori».  Il sindaco sottolinea come non sono stati mai dati tempi più ristretti per la realizzazione: «Siamo in linea con le promesse fatte con la città in quanto il progetto dell’efficientamento dell’illuminazione pubblica è nel programma di mandato. Lo stesso discorso vale per le telecamere in quanto si sta realizzando un anello composto da fibra ottica che servirà per l’installazione di telecamere in città anche per verificare gli accessi nei punti più strategici».

«I marciapiedi sono circa 30 anni che non hanno la giusta manutenzione –ha continuato Bacci-  ma qualcosa attraverso l’ultima finanziaria si è sbloccato e potremmo finalmente far qualcosa di importante sia per il quartiere Minonna che per tutto il resto della città. Saranno poi i fatti a giudicare».

«I contenitori grandi per la raccolta del verde – ha spiegato il sindaco- sono stati sostituiti con quelli condominiali per la mancanza di inciviltà da parte delle persone che gettavano di tutto, dalle batterie delle auto ai pneumatici». Proprio nei giorni scorsi,  si è anche svolto un incontro con i residenti del quartiere, il presidente di JesiServizi Salvatore Pisconti e gli assessori Paola Lenti e Cinzia Napolitano per siglare un accordo che verrà poi formalizzato, secondo cui è previsto  l’inizio del porta a porta anche per gli sfalci e le potature con un costo annuale di euro 50 che comprende tra le 18 e le 20 chiamate. Se i residenti non vogliono sostenere il costo possono comunque farlo portando però i residui del verde al centro ambiente senza pagare nulla. «Anche da questo punto di vista-ha aggiunto il sindaco – è stata data una risposta importante che dovrà comunque essere strutturata e formalizzata».

Il sindaco ha poi spiegato come la strada della zona Tre Valli, dove viene lamentata la mancanza per la pulizia delle caditoie, è una strada provinciale ma nonostante questo JesiServizi effettua la pulizia. Non viene fatto tramite l’ordinanza prevista per le pulizie delle strade e per questo viene effettuato due volte l’anno invece di quattro. Si valuta però la possibilità di effettuare un’ordinanza anche per questo caso.

«Il comitato Minonna- ha concluso Bacci- si è però dimenticato dell’impegno che ci siamo presi per la Scuola Perchi. Stiamo andando avanti con i lavori di impermeabilizzazione del tetto e la sistemazione delle fondamenta».

A cura di Emanuel Santoni

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*